×
1 637
Fashion Jobs
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Retail Area Manager Piemonte/Liguria/Lombardia
Tempo Indeterminato · TORINO
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
27 apr 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

L'allarme di Assopellettieri: “Aziende preda di gruppi stranieri”

Di
Ansa
Pubblicato il
27 apr 2021

"Stiamo rischiando di perdere il controllo del 'saper fare', della tradizione, della cura dei dettagli e del gusto che hanno fatto la storia del nostro Paese e ci hanno resi famosi, rispettati e anche imitati in tutto il mondo. Il nostro Sistema Paese non può permettersi di perdere competitività internazionale nel settore della pelletteria, uno dei più performanti del Made in Italy, e neppure che le nostre aziende finiscano nella mani di gruppi stranieri perché il nostro Sistema non è riuscito a garantire loro il giusto supporto". È questo l'appello rivolto al governo dal presidente di Assopellettieri, Franco Gabbrielli, che ha commentato i dati economici del 2020 che vedono un crollo del fatturato di circa il 37% rispetto al 2019 e una riduzione della quota di export del 25,5%.

@mipel


"Se andiamo ad analizzare i dati in maniera più approfondita”, aggiunge Gabbrielli, “il rammarico cresce ulteriormente considerando che, quanto all'export, il settore era in serie positiva da oltre 10 anni mentre la pandemia ci costringe ora ad un balzo indietro di tre anni. Il nostro settore vive di export e abbiamo la necessità, ora più che mai, che siano attuate politiche che consentano alle aziende di tornare presto ai valori pre-covid".

"Ogni singola azienda sta lottando per rimanere in piedi”, ha concluso il presidente di Assopellettieri. “Il Governo deve però fare di più e considerare centrale per il Paese il ruolo del Sistema Moda".

Per il comparto della pelletteria italiana, dopo il disastro del 2020, non c'è stato nessun rimbalzo significativo: dopo gli acquisti delle festività natalizie, la nuova ondata pandemica ha colpito duramente anche la stagione dei saldi. Prosegue la selezione tra le imprese (quasi 200 in meno rispetto al 2019, tra industria e artigianato) e affiorano tensioni occupazionali: 8 aziende su 10 sono ricorse agli ammortizzatori nel quarto trimestre. Nell'intera filiera pelle sono state autorizzate nel 2020 ben 83 milioni di ore di cassa integrazione guadagni (+900% sul 2019).

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.