×
1 467
Fashion Jobs
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILAN
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
SIDLER SA
Jersey Product Manager / Luxury Brand / Ticino
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
OTB SPA
E-Commerce Accounting Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
MIA BAG
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
STELLA MCCARTNEY
Health, Safety & Environment Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Marketing & E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · BOLZANO
VALENTINO
Compliance & Sustainability Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
UMANA SPA
IT Manager
Tempo Indeterminato · VENEZIA

L'affare Bettencourt prende una piega politica

Pubblicato il
today 27 giu 2010
Tempo di lettura
access_time 4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

PARIGI, 28 giu 2010 - L'ex-maggiordomo di Liliane Bettencourt messo sotto sorveglianza per aver effettuato registrazioni a sua insaputa della donna più ricca di Francia, è stato rimesso in libertà dalla procura di Nanterre, ma la questione rischia ora di assumere risvolti politici.


Liliane Bettencourt
La pubblicazione da parte del sito Mediapart delle registrazioni pirata realizzate dal maggiordomo (come nel più classico dei romanzi gialli) dell'ereditiera su vari DVD e Cd-Rom fra il maggio 2009 e il maggio 2010, suggerisce in effetti che possano esservi state delle ingerenze dell'entourage di Nicolas Sarkozy in favore di Liliane Bettencourt nel processo che l'oppone a sua figlia, così come dei regali a dei candidati del partito presidenziale.

Marine Le Pen, vicepresidente del “Front national”, ha dichiarato venerdì scorso all'agenzia Reuters che il caso Bettencourt potrebbe trasformarsi in un "Sarkogate" e “portare alle dimissioni del Capo dello Stato, se i sospetti di ingerenza dell'Eliseo nella procedura giudiziaria fossero confermati”.

Marine Le Pen ha aggiunto di aver anche denunciato da tempo la "doppia veste" del ministro del Tesoro dell'epoca, Eric Woerth, diventato Ministro del Lavoro, che era “allo stesso tempo tesoriere dell'UMP", posto che occupa ancor'oggi.

Il nome del Ministro appariva a più riprese nelle conversazioni registrate, al fianco di quello di sua moglie, Florence, che lavorava allora per Clymène, società incaricata di gestire il patrimonio di Liliane Bettencourt.

Eric Woerth, che è stato ministro del Tesoro da maggio 2007 a marzo 2010, ha smentito di essere mai intervenuto a vantaggio della situazione fiscale di Liliane Bettencourt, azionista principale del gigante della cosmetica L'Oréal, o di aver ricevuto indebitamente somme di denaro.

In un comunicato, Woerth ha dichiarato che queste asserzioni mirano a causare pregiudizio alla sua reputazione, dal momento che, in quanto Ministro del Lavoro, sta presentando la riforma delle pensioni. “Questo fatto non mi sembra un caso", ha scritto. "Si tratta di affermazioni totalmente prive di fondamento. Sono ancor più ridicole visto e considerato che ricordo che come Ministro del Tesoro ho condotto una lotta senza quartiere contro l'evasione fiscale e i paradisi fiscali", ha aggiunto. Su RTL, Eric Woerth ha tuttavia giudicato "possibile che vi siano state delle donazioni nell'ambito della campagna" per le elezioni regionali del 14 e 21 marzo 2009".

In seguito alla pubblicazione di queste registrazioni, consegnate alla Polizia, Liliane Bettencourt ha presentato querela per "oltraggio", "furto" e "falsa testimonianza", a quanto appreso dal suo entourage.

"Le investigazioni continuano e attendiamo di ottenere altri elementi per decidere" la sorte del maggiordomo e dell'informatico che l'ha aiutato a copiare su dei CD-Rom le registrazioni, precisa il parquet di Nanterre. Sui fatti rivelati dalle registrazioni, la procura di Nanterre non sembra per il momento voler aprire un'inchiesta. "La prima domanda da porsi è sapere come questi discorsi siano stati registrati, in quanto questo metodo sembra costituire una violazione della legge", ha spiegato.

Intanto, come si apprende da persone vicine a Liliane Bettencourt, la gran parte della colossale fortuna della donna, considerata dal magazine americano Forbes come la più ricca d'Europa, è legata alle quote da lei possedute del gruppo n°1 mondiale dei cosmetici L'Oréal, fondato da suo padre.

"Il 95% della fortuna di Mme Bettencourt è legato alle azioni de L'Oréal" che possiede, ha dichiarato all'AFP uno dei suoi parenti, che ha preferito rimanere anonimo. La famiglia Bettencourt (Liliane, sua figlia unica Françoise e il marito di quest'ultima Jean-Pierre Meyers) possiede il 31% de L'Oréal, attraverso una holding familiare chiamata Thetys.
Questa partecipazione vale circa 15 miliardi di euro, sulla base del valore delle azioni L'Oréal nelle ultime sedute di Borsa della scorsa settimana.

"La fortuna di Madame Bettencourt è come il grafico di Borsa delle azioni L'Oréal: oscilla e varia tutti i giorni", ha aggiunto un'altra fonte, fatto che implica il non poter fornire una cifra globale precisa per valutare questo patrimonio con esattezza.
A questi potenziali 15 miliardi di euro, si aggiungono circa 278 milioni di euro che Mme Bettencourt percepirà come dividendo per l'esercizio 2009, come pure 75.000 euro di gettoni di presenza ricevuti in quanto membro del consiglio d'amministrazione dell'impero degli shampoo e delle creme.

La diciassettesima fortuna mondiale, secondo Forbes, è anche proprietaria di un patrimonio immobiliare che comprende un hôtel privato a Neuilly-sur-seine (Hauts-de-Seine), valutato 30 milioni di euro, e una casa di famiglia in Bretagna, "qualche appartamento qua e là" e diverse opere d'arte, oltre a "qualche decina di migliaia di titoli Nestlé", sostengono le stesse fonti.
"Escludendo i titoli L'Oréal, Madame Bettencourt possiede in totale beni immobili e opere d'arte valutati 100 milioni di euro", riassumono.

Quanto all'isola alle Seychelles, Arros, che la donna possederebbe secondo le registrazioni delle conversazioni effettuate al suo domicilio e rivelate da Mediapart, le stesse fonti hanno dichiarato all'AFP che si tratta di una conseguenza della successione di André Bettencourt, il marito di Liliane deceduto nel 2007. "L'isola alle Seychelles proviene dalla successione di suo marito. Lei ha un contratto di locazione, ma noi investigheremo ulteriormente".

Secondo queste fonti, dal 2004 la figlia unica di Liliane Bettencourt, Françoise Bettencourt-Meyers, sarebbe la vera proprietaria dell'immensa ricchezza dei Bettencourt, perché sua madre non ne avrebbe che l'usufrutto.
Liliane Bettencourt ha ceduto il suo patrimonio in nuda proprietà alla famiglia, per due terzi a sua figlia e per un terzo ai suoi due nipoti, affermano, grazie "a donazioni effettuate da quindici anni in maniera legale, cioè pagando ogni diritto spettante allo Stato".
"Ormai è lei la donna più ricca di Francia, bisogna solo che sia paziente e aspetti con calma la morte di sua madre", ripetono.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.