L’Occitane: il fatturato supera il miliardo di euro

L’Occitane International è in un ottimo stato di forma. Nell'esercizio 2012/2013, chiusosi il 31 marzo, il gruppo (marchi L’Occitane en Provence, L’Occitane au Brésil, Melvita, Erborian e Le Couvent des Minimes) ha visto crescere le proprie vendite di più del 14% e superare il miliardo di euro di fatturato, per un utile operativo di 158,3 milioni. I suoi primi tre mercati restano il Giappone (21% dell'attività del gruppo), gli Stati Uniti (12%) e Hong Kong (10,6%). La Francia e la Cina arrivano subito dopo e pesano rispettivamente per il 7,9% e il 6,5% sull'attività del gruppo.
L'Occitane controlla 70negozi in Francia - Immagine: L'Occitane

Una progressione meno pronunciata rispetto all'esercizio precedente, ma che farebbe invidia a più di un brand. Nel mercato di casa della Francia, le vendite sono aumentate di quasi il 6%, a 82,5 milioni. Una crescita imputabile all'apertura di quattro unità, alla performance dell'e-commerce e alla pubblicità televisiva. Ma soprattutto, L’Occitane avanza in Cina, in Brasile e in Russia. Nella Cina continentale, il gruppo ha visto aumentare le proprie vendite nette a tasso di cambio costante del 24,2%, a 67,7 milioni. A Taiwan e a Hong Kong gli incrementi sono stati rispettivamente del 4,5% e del 13,6%. In Russia, l’attività ha fatto un balzo in avanti di più del 30%. In Brasile, in compenso, la situazione è più complicata, con una progressione del 7,5%, ma un calo del retail a perimetro comparabile di più del 7%. Il gruppo, ormai multimarca, continuerà anche quest'anno nella propria espansione, soprattutto retail. Nel periodo 2012/2013 ha aperto 135 negozi e ne ha rinnovati altri 74.

Bruno Joly (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

CosmeticiBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER