Klépierre: crescita dell’attività commerciale nel secondo trimestre

Klépierre ha annunciato una crescita dell’attività dei suoi centri commerciali nel secondo trimestre dopo un inizio d’anno a rilento e ha rivisto in aumento le previsioni finanziare per il 2017.

Centro commerciale La Gavia, di proprietà di Klépierre - Foto: Klépierre

Il gruppo immobiliare, specializzato nei centri commerciali, ha dichiarato in un comunicato di puntare quest’anno a un cash-flow netto corrente per azione di almeno 2,45 euro, contro una previsione iniziale compresa tra 2,35 e 2,40 euro. Nel primo semestre, il cash-flow netto corrente è stato pari a 1,22 euro per azione, in aumento del +4,9%. I redditi da locazione sono aumentati del +2,7% a perimetro costante tra gennaio e giugno.

“Il primo semestre è stato dinamico e il secondo si prospetta positivo”, ha dichiarato Jean-Marc Jestin, Presidente del comitato esecutivo di Klépierre.

Per quanto riguarda l’attività nei centri commerciali, i commercianti a cui Klépierre affitta i negozi hanno visto le loro attività ricominciare a crescere tra aprile e giugno, dopo un primo trimestre piatto. Il loro fatturato è cresciuto dell’1,8 % nel secondo trimestre, dopo aver registrato una flessione del -0,6 % tra gennaio e marzo. Il fatturato è aumentato in particolare in Europa centrale, in Turchia e nella penisola iberica, mentre è diminuito in Francia e in Italia.

“Restiamo in un clima leggermente stagnante in Francia”, ha sottolineato Jean-Marc Jestin. “Speriamo di avere un miglioramento delle attività nel Paese, a beneficio dei nostri locatari”.

Il 24 luglio, anche la società franco-olandese Unibail-Rodamco ha comunicato di aver registrato un miglioramento delle performance dei suoi centri commerciali nel secondo trimestre.

In Borsa, l’azione ha chiuso martedì 25 aprile a 35,18 euro (+0,14 %). Il titolo ha perso circa il 6% dall’inizio dell’anno.

Versione italiana di Laura Galbiati

© Thomson Reuters 2018 All rights reserved.

Moda - AltroBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER