Khriò produce la sua prima collezione di scarpe green

Khriò, marchio di calzature del gruppo Alma, ha recentemente lanciato il progetto “D+”, che basa la sua filosofia su prodotti selezionati, 100% animal free, realizzati con materiali eco-sostenibili nel completo rispetto dell’ambiente circostante.

Khriò, una calzatura della linea "D+" per la PE 2018

“Nel pensare un prodotto che potesse abbracciare una moda virtuosa, abbiamo studiato l’utilizzo di materiali vegani atossici e anallergici provenienti dal riciclo di fibre naturali come bucce e torsoli delle mele, frutto che diventa risorsa preziosa a supporto di uno stile di vita in simbiosi con l’ambiente. Siamo il primo marchio in Italia a commercializzare un prodotto di questo tipo”, ha affermato Claudio Sagripanti, AD e presidente del gruppo.
 
Attraverso antiche tecniche pittoriche che coinvolgono sfumature, colori delicati e tinture ad acqua, si dà vita a una capsule che comprende sneakers grintose dai colori pastello. “La tomaia, realizzata in “Appleskin”, materiale del tutto simile al cuoio sia come qualità che come design, alterna stampe geometriche a nuance che brillano di una delicata lucentezza", ricorda l’AD.
 
Il brand Khriò è attualmente presente nei mercati in tutta Europa, Russia compresa, e poi Stati Uniti, Giappone, Australia, ma punterà su una prossima espansione nei mercati asiatici, in particolare su quelli mediorientali. Per la linea Khriò “D+”, è invece in fase di definizione un piano retail che partirà da una distribuzione in centinaia di negozi multimarca dalle nazioni in cui queste creazioni sono al momento commercializzate: Italia, Belgio, Lituania, Russia, Germania, Francia e USA.

Khriò, una calzatura della linea "D+" per la PE 2018

Il 2017 di Khriò si è chiuso su un fatturato di circa 10,2 milioni di euro, stabile rispetto l'anno precedente. “Gli obiettivi futuri che ci siamo prefissati guardano soprattutto al divenire un punto di riferimento per una calzatura sostenibile e prodotta con materiali interamente riciclati e animal friendly”, ricorda Sagripanti in conclusione.
 
Il gruppo marchigiano Alma è nato nel 2014 a Montecosaro (MC) dalla fusione sinergica delle aziende Alfiere S.p.A. e Manas S.p.A. La nuova società vede come soci di riferimento le famiglie Marino, Nazzareno e Sagripanti, attive nel mondo delle scarpe da circa 65 anni – Claudio Sagripanti era infatti il vicepresidente di Alfiere all’epoca della fusione – e realizza calzature proponendosi sul mercato con i brand Khriò, Manas e Lea Foscati, che sul volume d’affari complessivo di gruppo pesano rispettivamente per il 45%, il 45% e il 10%.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - ScarpeDistribuzioneCreazioneBusinessCollezione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER