×
1 425
Fashion Jobs
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
Pubblicato il
3 nov 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Kering sarebbe in procinto di acquistare Tom Ford

Pubblicato il
3 nov 2022

Il gigante francese del lusso Kering è coinvolto in trattative che si troverebbero in fase ormai avanzata per l'acquisto del marchio statunitense di moda Tom Ford, secondo varie fonti che hanno familiarità con il dossier. Lo afferma il Wall Street Journal.

Tom Ford al termine della sua sfilata di womenswear per la Primavera-Estate 2023 all'ultima Fashion Week di New York - © PixelFormula


Kering sta rivaleggiando da molto vicino con altre grandi aziende per assicurarsi Tom Ford, in particolare con quella il cui nome era finora circolato con più insistenza, ovvero Estée Lauder (marchi Clinique, M.A.C….), ma la società francese sembra essere passata in testa. Secondo le fonti citate dal WSJ, un accordo potrebbe essere raggiunto molto presto, comunque non è ancora detto che veda prevalere il colosso guidato da François-Henri Pinault.
 
Il Wall Street Journal sottolinea di aver riferito lo scorso agosto che Estée Lauder era in trattative per acquisire Tom Ford, in un accordo che avrebbe potuto valere 3 miliardi di dollari o forse di più, rappresentando così la più grande acquisizione mai realizzata dal gigante americano dei cosmetici. Tuttavia, è possibile che il prezzo sia sceso, dato il pericoloso contesto di mercato per la crisi geopolitica, che ha portato a pressioni inflazionistiche quasi inedite e a costi per gli approvvigionamenti estremamente aumentati in tutto il mondo.

Una possibilità evidenziata dai risultati e dalle previsioni deludenti che Estée Lauder ha pubblicato mercoledì scorso, con un 1° trimestre dell'esercizio 2022/23, terminato lo scorso 30 settembre, in cui ha registrato un calo delle vendite del -11%, a 4,39 miliardi di dollari (4,44 miliardi di euro), con un utile netto sceso di 103 milioni di dollari rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente. Il 4° trimestre dell’esercizio 2021/22 Estée Lauder l’aveva invece chiuso con una diminuzione delle vendite organiche del 5%, impattate dai lockdown per la politica Zero Covid in Cina e dal rallentamento degli ordini dai rivenditori statunitensi. Così, il colosso newyorchese dei prodotti di bellezza nato nel 1946 aveva abbassato le sue prospettive per questo esercizio.
 
Kering invece è riuscito a cavalcare una sorta di boom post-pandemico degli acquisti di prodotti dei suoi brand (soprattutto degli iconici Gucci, Saint Laurent e Balenciaga), tra revenge shopping e voglia di tornare alla normalità manifestati soprattutto dalla sua base di clienti benestanti, che si sono mostrati più resilienti nonostante la crescita esponenziale dell’inflazione e continuano a spendere per comprare borse, orologi e vestiti costosi.
 
Il mese scorso, Kering ha registrato un aumento delle vendite superiore al previsto, in parte sostenuto dai turisti statunitensi, che spendono liberamente a Parigi e in altre capitali europee. L'azienda ha un valore di mercato di quasi 60 miliardi di euro che, sempre secondo il Wall Street Journal, non farebbe di Tom Ford un asset estremamente oneroso da acquisire.
 
Tom Ford, noto soprattutto per il suo abbigliamento maschile, sebbene venda anche abbigliamento e accessori da donna, oltre a una linea di cosmetici e profumi d’alta gamma in rapida crescita, è stato fondato nel 2005 a New York City dallo stesso stilista (e regista cinematografico) statunitense, il quale, ironia della sorte e dei corsi e ricorsi storici della moda, divenne famosissimo come stilista di Gucci (oggi parte di Kering), quando riuscì a rilanciare il marchio fiorentino come suo direttore creativo tra il 1994 e il 2004.
 
Il Wall Street Journal aveva riferito mesi fa che Estée Lauder era particolarmente interessato all'attività nel Beauty di Tom Ford, con il quale ha un accordo di licenza di lunga data. Ma un deal con Kering potrebbe avere un senso più strategico, data l’esperienza del gruppo francese nella moda e negli accessori di fascia alta. Tom Ford potrebbe utilizzare l’esperienza, la competenze e il savoir-faire di Kering per far crescere il suo business negli accessori femminili, ha affermato una delle fonti.
 

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.