×
1 328
Fashion Jobs
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 ago 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Kering potrebbe diversificarsi nel settore della bellezza

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 ago 2022

Kering sarà il prossimo player del lusso a gestire in maniera diretta il proprio business nei prodotti di bellezza? “Tutte le opzioni sono aperte”, ha detto l'amministratore delegato del gruppo del lusso, Jean-François Palus, in occasione della pubblicazione dei risultati semestrali del colosso francese a fine luglio, riconoscendo come tale ipotesi sia assolutamente possibile.

Il make-up di Gucci per la sua sfilata Autunno-Inverno 2022/23 - gucci.com


Nonostante Chanel e Dior abbiano optato per questa strategia già molto tempo fa, la maggior parte dei grandi gruppi di moda non si era avventurata nel settore fino ad allora e non lo ha fatto neanche dopo, preferendo operare tramite licenze, come nel caso di Kering. Ma negli ultimi due anni la situazione è cambiata, perché questo settore molto vivace alimenta innumerevoli desideri, soprattutto tra i grandi nomi del lusso, in perpetua ricerca di nuove leve di crescita.

Alcuni, come Burberry, in passato hanno tentato di internalizzare la propria attività nel beauty prima di gettare la spugna; altri, più recentemente, vi si sono intensamente impegnati. Come Hermès nel 2020, la cui divisione ‘Parfum et Beauté’ oggi vale il 4% del fatturato totale del brand e ha raggiunto nello scorso primo semestre i 230 milioni di euro di giro d’affari, crescendo del 23%. O ancora Dolce & Gabbana, che all'inizio del 2022 ha creato una propria struttura dedicata ai prodotti di bellezza.

Certamente il mondo della cosmesi richiede molta competenza e una grande organizzazione. Necessita anche di investimenti significativi e di assumersi una certa dose di rischi. Ma è un mercato che può rivelarsi redditizio, perché con i loro prezzi più abbordabili i prodotti di bellezza si rivolgono a un pubblico maggiormente ampio.

“La bellezza costituisce un'estensione naturale del territorio di competenza dei nostri marchi. Attualmente operiamo attraverso un modello basato sulle licenze, ma il nostro successo con Kering Eyewear dimostra che possiamo creare molto valore per i marchi e, di conseguenza, per il gruppo, adottando alcuni approcci dirompenti e innovativi. Il beauty è sicuramente un settore d’attività che potremmo considerare in futuro”, ha indicato Jean-François Palus durante la conference call con gli analisti.

Partita da zero nel 2014, l'azienda del gruppo specializzata in occhialeria ha realizzato nel 2021 un fatturato di 700 milioni di euro e nel primo semestre del 2022 ha già raggiunto i 576 milioni di euro, in crescita del 50% a dati pubblicati e del 26% a perimetro omogeneo. Cifre su cui Kering deve aver ragionato bene, tanto più che i suoi rapporti con i propri licenziatari nei prodotti di bellezza non sono dei migliori. Il gruppo attualmente opera in licenza con l'americana Coty per Gucci, Alexander McQueen e Bottega Veneta, con L'Oréal per Saint Laurent e con Interparfums per Boucheron.

Nel 2020 il boss di Kering, François-Henri Pinault, si è lamentato in particolare dei lenti progressi nello sviluppo dei cosmetici prodotti su licenza dal suo partner Coty. “Il potenziale è enorme. Siamo molto delusi dalla velocità con cui questo potenziale viene sfruttato”, ha affermato in una conferenza stampa.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.