×
1 466
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
RANDSTAD ITALIA
HR Organization & Agile Transformation
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · NOLA
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
4 giu 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Kering e altre griffe si mobilitano contro il razzismo

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
4 giu 2020

Come altri player del fashion, Kering prende posizione contro il razzismo. In seguito alla morte dell’afroamericano George Floyd, lunedì 25 maggio a Minneapolis, gli Stati Uniti si sono infiammati. L’episodio ha scatenato rivolte in tutto il Paese e il saccheggio di numerose boutique di lusso, tra cui quelle di Gucci e Louis Vuitton, diventate il bersaglio ideale delle proteste.

L'annuncio di Kering sui social nework - Instagram


Molti protagonisti del mondo della moda hanno reagito subito, denunciando il razzismo e sostenendo i manifestanti e il movimento #BlackLivesMatter, a partire da Nike, seguita da Adidas e da molti altri. Anche molte griffe sono intervenute sull’argomento con messaggi anti razzisti sui loro social network, ma spesso in ritardo e in maniera maldestra.
 
Da parte sua, Kering ha optato per “delle azioni concrete, perché le parole non bastano”. “La lotta per l’uguaglianza è costata troppe vite alla comunità nera americana. Non resteremo in silenzio”, ha proclamato il gruppo guidato da François-Henri Pinault in un comunicato, annunciando due donazioni, senza precisare la cifra.

Una alla NAACP (National Association for the Advancement of Colored People), che combatte per eliminare la discriminazione razziale negli Stati Uniti, e l’altra a Campaign Zero, che mira a porre fine alle violenze da parte della polizia americana.
 
Il gruppo e le sue maison “continueranno quotidianamente a sviluppare iniziative e programmi interni volti a creare un ambiente di rispetto, uguaglianza ed equità, riconoscendo che si tratta di un processo continuo su cui impegnarsi a lavorare senza sosta”, ricorda Kering, che soprattutto lo scorso anno ha moltiplicato le sue iniziative sul fronte della diversità e dell’inclusione.
 
Ad esempio, Gucci ha creato l’anno scorso il ruolo di Direttore Mondo della diversità, dell’equità e dell’inclusione, affidato a Renée Tirado. Anche Chanel ha nominato nel 2019 Fiona Pargeter nel ruolo di Direttore diversità e inclusione a livello mondiale. La maison parigina, che ha avuto numerose boutique danneggiate in America, ha confidato a FashionNetwork.com le sue preoccupazioni per la situazione attuale negli Stati Uniti.
 
“Siamo rattristati da questi eventi tragici. Oggi chiediamo un appianamento di questa situazione e una società in cui i diritti di tutti siano rispettati. Come azienda, ci impegniamo a promuovere una cultura di fiducia, empatia e inclusione, valori che difendiamo con tutti i nostri dipendenti e le comunità nel mondo intero”, sottolinea Chanel.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.