×
1 360
Fashion Jobs
RETAIL SEARCH SRL
Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Trainer Skincare
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Retail Analyst
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Regional Visual Merchandising Manager German Speaker
Tempo Indeterminato · LUGANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer Man Appareal - Retail Fashion Company
Tempo Indeterminato ·
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Head of Direct Procurement
Tempo Indeterminato ·
PVH ITALIA SRL
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
IL GUFO SPA
Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
ERMANNO SCERVINO
Rspp & Facility Manager
Tempo Indeterminato · BAGNO A RIPOLI
CONFIDENZIALE
Customer Care Team Leader (m/f)
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Area Manager Trentino Alto Adige
Tempo Indeterminato · BOLZANO
SLAM JAM SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Area Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
CRM Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Area Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
District Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
18 feb 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Kering annuncia una nuova fase e una ripresa per Gucci nel 2021

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
18 feb 2021

Il 2021 sarà l’anno di Gucci, a sentire il suo proprietario Kering. Nel proprio centenario, il marchio italiano, che vale quasi il 60% delle vendite totali del colosso francese del lusso, dovrebbe ritrovare la strada della crescita, secondo i suoi dirigenti, che puntano a rilanciarlo dopo un 2020 martoriato dalla pandemia. Con un calo di fatturato del 22,7% lo scorso anno (-21,5% su base comparabile) a 7,4 miliardi di euro, la label ha influenzato molto i risultati annui del gruppo del lusso.

La campagna "Winter in the park" - ph Angelo Pennetta -Gucci


Gucci ha visto diminuire le vendite del 10,3%, su base comparabile nell’ultimo trimestre, mentre molti marchi concorrenti nello stesso periodo si sono ripresi. Vale a dire un risultato ben al di sotto delle aspettative degli analisti. Le vendite dell’etichetta di moda e lusso sono soprattutto scese del 19,5% su base comparabile (-7,5% nel 4° trimestre) nella sua rete di negozi monomarca, che ormai rappresenta l’87% delle sue vendite complessive.
 
Il risultato operativo corrente di Gucci ha raggiunto i 2,6 miliardi di euro l’anno scorso, con una marginalità del 35,1%, nonostante i notevoli investimenti che il brand ha continuato a fare e che proseguiranno nel 2021. “Sarà un altro anno di investimenti con un orizzonte a lungo termine", ha dichiarato il boss di Kering, François-Henri Pinault durante una conference call, ricordando che Gucci sta cambiando totalmente modello.

La crisi sanitaria, con la chiusura di molti negozi e la scomparsa dei turisti, non spiega da sola gli scarsi risultati del 2020, ma i primi mesi dell'anno “sono molto incoraggianti” per il marchio, che è lontano dall'esprimere tutto il suo potenziale, secondo il CEO. Gucci entra in una nuova fase nel 2021, ha sottolineato Pinault.
 
Dopo essersi riposizionata attorno a una nuova estetica concepita dal suo direttore artistico Alessandro Michele e aver registrato una crescita esplosiva dal 2015 (con utili triplicati in cinque anni), la firma italiana aveva accusato un rallentamento nel 2019. Per rilanciarsi ha rivisto la strategia, in particolare dal punto di vista della distribuzione, per meglio controllarla e renderla più esclusiva, attraverso la drastica razionalizzazione della propria rete all’ingrosso.
 
Questo piano, che ha ridotto drasticamente il numero dei rivenditori di Gucci lo scorso anno, ha avuto un impatto decisivo sulle vendite, soprattutto nel canale wholesale, dove sono letteralmente precipitate nel 2020(-33,4% su base comparabile). Ma questa ristrutturazione, che ha spinto Gucci, tra le altre cose, a riorganizzare il proprio network negli Stati Uniti, ha lo scopo di far riguadagnare clienti al marchio attraverso altri canali di vendita, come pop-up o e-concessions. Come nel caso del successo ottenuto dalla marca italiana in Cina con l’inaugurazione di un flagship online sul portale Tmall Luxury Pavilion di Alibaba.

Le cifre chiave del 2020 di Gucci - Kering


Altra grande rivoluzione, “per preparare il 2021 e gli anni a venire”, è il cambiamento strutturale del calendario di Gucci, che ora si concentrerà su due principali eventi creativi a novembre e aprile, aggiungendovi un’ampia serie di eventi che verranno declinati nel corso di tutta la stagione.
 
“Stiamo ora entrando in una fase in cui saremo in grado di riequilibrare le risorse tra creazione e marketing.Prima abbiamo investito molto nelle sfilate, nella stampa o nella pubblicità sulle riviste cartacee. D'ora in poi, tutto ciò sarà bilanciato tra eventi creativi e più attività commerciali, di merchandising e di marketing”, ha osservato François-Henri Pinault.
 
Questo si tradurrà in una serie di iniziative, tra collaborazioni, pop-up, eventi in-store oppure online, capsule pensate per un pubblico locale o globale. Come per la collaborazione con The North Face in gennaio. "Il 2021 è l’anno del 100° anniversario di Gucci, ma sarà anche il primo anno in cui avremo questo nuovo calendario di eventi di moda, creatività, marketing e merchandising”, sottolinea l’imprenditore.
 
Dal punto di vista geografico, la maison ha soprattutto registrato nel quarto trimestre del 2020 un aumento delle vendite su base comparabile del 13% in Nord America e dell'8% in Asia-Pacifico. In quest’ultima regione, Gucci ha confermato le buone performance nella Cina continentale e nell'isola di Hainan, ma anche a Taiwan, che ha compensato i risultati più deboli di Hong Kong e Macao.
 
In Corea del Sud, Gucci è stato invece molto penalizzato dal Travel Retail. La mancanza di flussi turistici ha avuto un impatto anche su Australia, Nuova Zelanda, Singapore, Vietnam e Thailandia. Da notare il ​​calo del 20% delle vendite di Gucci in Giappone e del 45% in Europa occidentale, sempre nell'ultimo trimestre.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.