×
1 647
Fashion Jobs
FOURCORNERS
International Retail HR Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Gioielleria Lusso
Tempo Indeterminato · VICENZA
HUMANA PEOPLE TO PEOPLE
Area Manager Negozi Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Project Manager - Store Planning Department
Tempo Indeterminato · MILANO
TRUSSARDI
Junior Product Manager Capospalla
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Area Manager Switzerland
Tempo Indeterminato · LUGANO
PERCASSI
Marketing Manager
Tempo Indeterminato · BERGAMO
ROSSIMODA S.P.A.
Tecnico Industrializzatore Strutture
Tempo Indeterminato · VIGONZA
EXTYN
Buyer Fashion Moda
Tempo Indeterminato · NOLA
EXTYN
Responsabile Commerciale
Tempo Indeterminato · NOLA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Gioielli - Centro Nord
Tempo Indeterminato ·
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile di Produzione Settore Tessile (271.34.cc)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CHRISTINA WU BRIDES & ADRIANNA PAPELL PLATINUM
Sales Representative Nord Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
TELAROSA SRL
Responsabile Magazzino Tessuti
Tempo Indeterminato · VERONA
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Brand Premium - Milano Nord Ovest
Tempo Indeterminato · MILANO
CHRISTINA WU BRIDES & ADRIANNA PAPELL PLATINUM
Sales Representative Centro-Sud Italia
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
International Sales Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Logistic Manager - Azienda Moda Multibrand
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Stock Manager - Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Piemonte Fashion
Tempo Indeterminato · TORINO
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Triveneto Fashion
Tempo Indeterminato · VERONA
RETAIL SEARCH SRL
District Manager Abruzzo/Marche
Tempo Indeterminato · PESCARA

Kering annuncia di aver ridotto del 36% le sue emissioni di CO2 in 3 anni

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 1 feb 2020
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Dopo aver lanciato lo scorso agosto il “Fashion Pact”, un testo non vincolante che riunisce aziende tessili e di abbigliamento con l'obiettivo di pensare a una moda più sostenibile, il gruppo del lusso Kering fa il punto sui suoi progressi in relazione agli obiettivi che si è prefissato in questo settore.

Il gruppo traccia l'88% delle sue "materie prime chiave" - Kering


In seguito al lancio di un primo piano d’azione 2012-2016 focalizzato sull'ambiente attraverso il suo conto economico ambientale “EP&L” (Environmental Profit and Loss), la società, proprietaria fra gli altri dei marchi Gucci, Saint Laurent e Balenciaga, ha allargato il proprio campo visivo. Nel gennaio del 2017, ha reso nota una nuova strategia, alla quale ha aggiunto una portata sociale.
 
La società francese si è data in particolare l’obiettivo di ridurre del 40% la sua impronta ambientale e del 50% le sue emissioni di CO2 entro il 2025 rispetto al 2015, rendendo allo stesso tempo completamente tracciabili le materie prime che utilizza.

Tre anni dopo, a che punto è arrivata? Nel rapporto sui progressi che ha pubblicato giovedì scorso, l’azienda guidata da François-Henri Pinault afferma di aver ridotto del 14% il suo “impatto ambientale globale” e del 36% le sue emissioni di gas a effetto serra tra il 2015 e il 2018. In particolare, l'intensità delle emissioni di gas serra legate ai suoi negozi e agli altri suoi insediamenti nel mondo è diminuita del 77% nel medesimo periodo.
 
Il gruppo annuncia che ora utilizza il 67% di energia rinnovabile per tutte le sue attività. Una percentuale che arriverebbe addirittura al 100% in 7 nazioni, e al 78% in Europa.
 
Inoltre, Kering, che ha fissato degli standard relativi alle materie prime e ai processi produttivi che formalizzano le migliori pratiche in termini di protezione ambientale, animale e sociale, fa sapere che i requisiti definiti in questi standard sono attualmente implementati dal 68% dei fornitori del gruppo.
 
Meno di un terzo del cotone utilizzato è organico
 
Kering afferma di aver già raggiunto il 100% di approvvigionamento in oro “responsabile” per i suoi orologi e gioielli, mentre la quota di cotone biologico nelle proprie collezioni è del 30%.
 
Il colosso francese del lusso, che ha circa 35.000 dipendenti in tutto il mondo e che nel 2018 ha registrato un fatturato di 13,7 miliardi di euro, si vanta di essere una delle società più “femminilizzate” dell’indice CAC 40. Le donne rappresentavano il 55% dei suoi dirigenti nel 2019, il 63% della forza lavoro totale, il 33% dei membri del comitato esecutivo e il 60% del consiglio di amministrazione.
 
“La relazione sui progressi dello sviluppo sostenibile che condividiamo oggi riflette risultati molto incoraggianti, in linea con la tabella di marcia di Kering al 2025, anche se c’è ancora molta strada da fare, e ne siamo consapevoli”, commenta Marie-Claire Daveu, direttrice dello sviluppo sostenibile e degli affari istituzionali internazionali.
 
Nel suo ultimo rapporto “2020 Predictions Report: decoding the next decade of change”, Positive Luxury, che promuove pratiche più etiche e sostenibili, sottolinea la presa di coscienza dell'emergenza climatica tra le società di beni di consumo.
 
Secondo il rapporto, le preoccupazioni ambientali definiscono di fatto l'agenda della moda. E cita i provvedimenti adottati da diverse città, Fashion Week e stilisti per ridurre la loro impronta di carbonio sull’ambiente, nonché le iniziative prese da diverse aziende del settore, tra le quali Kering e LVMH, che vanno in questa direzione.
 
Gli autori del rapporto sottolineano in particolare il ruolo decisivo delle nuove generazioni di consumatori, che mettono pressione all'industria del lusso in termini di impegni ecologici.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.