Kenzo: Felipe Oliveira Baptista è il nuovo direttore artistico

Kenzo ha un nuovo direttore artistico: Felipe Oliveira Baptista. Il gruppo LVMH ha atteso la conclusione della Fashion Week maschile di Parigi, con lo show organizzato da Carol Lim e Humberto Leon a Bercy per presentare la loro ultima collezione dopo otto anni passati al timone stilistico del marchio, per confermare la nomina del designer portoghese scelto per succedere alla collaudata coppia, come FashionNetwork.com aveva anticipato il 24 giugno scorso.

Felipe Oliviera Baptista - ph Karim Sadli

Lo stilista, 44 anni, entra nella casa di moda all’inizio di questo mese di luglio, indica il gruppo del lusso in un comunicato. Oliveira Baptista dovrebbe svelare le sue prime collezioni per uomo e donna a Parigi all’inizio del 2020 con la stagione Autunno-Inverno 2020/21. Il designer sarà incaricato della supervisione creativa di tutte le collezioni di Kenzo. “La sua visione creativa moderna e innovatrice e il suo approccio artistico molto completo permetteranno alla maison di continuare a sviluppare il proprio potenziale nel rispetto del suo heritage unico”, commenta Sylvie Colin, CEO di Kenzo.
 
Felipe Oliveira Baptista è stato per 8 anni direttore artistico di Lacoste, che ha lasciato l'anno scorso dopo esser riuscito in quel periodo a raddoppiare le vendite del Coccodrillo, ringiovanendo con abilità i prodotti del marchio sportivo francese per ampliare il suo pubblico e renderlo attraente, soprattutto fra i giovani, grazie ad uno sportswear cool adattissimo per la vita in città.
 
Originario delle Azzorre, appassionato di architettura, Felipe Oliveira Baptista si orienta verso la moda dopo aver scoperto il lavoro di Balenciaga. Laureatosi all’università di moda e design Kingston a Londra, debutta da Max Mara, poi passa da Christophe Lemaire e Cerruti dal 1997 al 2001.

L'immagine dell'annuncio fatto da Felipe Oliveira Baptista sul suo profilo Instagram lunedì mattina - Instagram

Vincitore del gran premio al Festival di Moda di Hyères nel 2002, l’anno seguente vince il riconoscimento dell’ANDAM, che lo premia nuovamente nel 2005. Un trampolino che gli permette di lanciare nel 2003 il proprio brand di prêt-à-porter con la moglie Séverine, prima di sospenderne l’attività nel 2014.
 
“Kenzo è la libertà contagiosa e il movimento. Tutto ciò che il signor Takada faceva era pieno di gioia, eleganza e un senso dell'umorismo fresco e impertinente. Il modo in cui Kenzo celebra la natura e la diversità culturale è sempre stato ed è ancora al centro del marchio. Questi due argomenti non sono mai stati più rilevanti e decisivi di oggi, sono essenziali per scrivere il futuro di Kenzo”, ha dichiarato Felipe Oliviera Baptista nel comunicato, fornendo alcune piste sulla direzione che intende dare al lavoro che svolgerà per la sua nuova maison.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Lusso - Prêt à porter Nomine
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER