×
1 518
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Kei Ninomiya al secondo giro da Moncler Genius

Pubblicato il
today 9 mag 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il designer giapponese Kei Ninomiya torna a illuminare l’“edificio” creativo di Moncler con una nuova collezione fatta di tecnica, geometrie e modularità. 

Kei Ninomiya per Moncler Genius


Ogni singolo capo è costruito meticolosamente e offre forme e funzionalità che lo rendono facile da portare. Nella collezione, la numero 6 composta da giacche, gonne, abiti, parka e maglie, domina il colore nero. I materiali utilizzati sono nylon, dolmias, nylon laqué e pelle.
 
“Moncler Genius è una sfida di innovazione e un progetto contemporaneo sotto ogni aspetto. Mi ha permesso di sviluppare nuove tecniche legate al piumino. Il progresso deriva sempre dal modo in cui vengono concepite le cose”, ha dichiarato Kei Ninomiya, che nel 2012 ha lanciato la sua linea di prêt-à-porter concettuale Noir Kei Ninomiya.

Alla base del processo creativo c’è il concetto di modularità: tanti piccoli moduli, sono moltiplicati e tenuti assieme da minuscoli anelli in metallo. Le ghirlande e i motivi floreali applicati aggiungono un ulteriore elemento di romanticismo punk e innalzano il livello della sfida tecnica.
 
Classe 1984, Kei Ninomiya ha fatto gavetta da Comme des Garçons. Dopo aver conseguito la laurea in letteratura francese alla Aoyama Gakuin University, ha frequentato la Royal Arts Academy/Fashion di Anversa.

Moncler Genius Building

 
In un primo momento, Kei aveva dichiarato che non avrebbe preso parte al secondo round del progetto. E invece, la sua seconda collezione per Moncler Genius è in vendita dal 9 maggio presso gli store monomarca dalla griffe e in selezionati retailer multimarca nel mondo.

Lanciato a febbraio 2018, il progetto Moncler Genius Building si è evoluto, lo scorso settembre, con “The Next Chapter”, arruolando nuovi nomi, come Richard Quinn e Matthew Williams, per coprire tutto l'anno con un programma continuo.