Jimmy Choo: i proprietari stanno valutando un ingresso in Borsa

La società d'investimento svizzera Labelux sta riflettendo seriamente ad un possibile approdo in Borsa del calzaturiere di lusso Jimmy Choo per raccogliere i fondi necessari al finanziamento della crescita dell'azienda. E' quanto afferma lunedì il quotidiano economico “Financial Times”.
Cruise Collection 2014 firmata Jimmy Choo.

L'operazione potrebbe concludersi sulla base di una stima del valore di Jimmy Choo nell'ordine del miliardo di sterline, aggiunge il quotidiano.

Jimmy Choo era stato acquistato da Labelux nel maggio 2011 per un prezzo che all'epoca fu di circa 500 milioni di sterline, secondo la stampa economica.

La società è stata fondata 18 anni fa dal designer di origine malese Jimmy Choo e da una redattrice della rivista di moda “Vogue” Tamara Mellon.

L'azienda britannica è passata di mano a vari fondi d'investimento già dal 2001, finché dal 2007 era arrivata ad essere controllata per l'83% dal gruppo TowerBrook, prima di essere acquistata da Labelux.

Labelux non ha ancora preso alcuna decisione definitiva, ma in ogni caso intende conservare il controllo di Jimmy Choo, aggiunge una fonte interna alla società, citata dal quotidiano.

Labelux è una società di investimenti nel settore del lusso fondata dalla famiglia tedesca Reimann, che ha fatto fortuna con i prodotti per la casa Reckitt Benckiser e possiede oggi il profumiere americano Coty e i bar D.E. Master Blenders.

Labelux ha nel suo portafoglio le calzature Bally e alcuni marchi meno conosciuti come Derek Lam, Solange Azagury-Partridge e Zagliani.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2019 AFP. Tutti i diritti riservati.

Lusso - ScarpeBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER