Jillian apre il suo secondo monomarca a Sassari

Jillian, azienda di bridalwear fondata nel 2008 ad Anzio da Valeria Prisco, anima creativa del brand, e da Massimo Moles, attivo da oltre trent’anni nel settore, ha in programma per il prossimo settembre l’apertura a Sassari del suo secondo monomarca, dopo quello inaugurato tre anni fa nella sua città Natale.

Valeria Prisco e Massimo Moles
 
“Si tratta in realtà della conversione di uno store multimarca con cui lavoriamo da tempo, che diventerà a insegna Jillian”, ha precisato a FashionNetwork.com Moles. “Fuori dall’Italia siamo distribuiti in Germania, Austria, Nord Europa e Libano. Il design e la prototipia sono made in Italy, mentre alcune produzioni, come i ricami, vengono realizzate all’estero e poi assemblate in Italia, anche per una questione di contenimento dei costi”.
 
Jillian, il cui nome è quello di una ragazza immaginaria, la “sposa ideale” (“Anche se una ragazza inglese di nome Jillian, che ci ha contattato, si è sposata davvero con un nostro abito”, raccontano i fondatori) cerca di accontentare con le proprie creazioni tutti i tipi di sposa, inserendo capi tradizionali, romantici e alcuni dal tocco più fashion.


“Per la collezione 2020 mi sono ispirata a un concetto di leggerezza: oggi le ragazze vogliono abiti fluidi, che le facciano sentire comode e libere di muoversi durante tutta la giornata; ci sono poi ovviamente anche proposte più romantiche, da vera principessa”, ha spiegato la stilista Valeria Prisco. “Privilegio ricami tono su tono, molto delicati, punti luce discreti, abiti scivolati, non troppo rigidi. Per ottenere questi effetti utilizziamo chiffon, organza, pizzi leggeri e tulle molto morbidi. In passato eravamo conosciuti anche per i nostri vestiti dai colori accesi, come il blu elettrico, il fucsia e il verde limone; oggi c’è un ritorno ai colori più tradizionali e alle tonalità sfumate, dall’avorio al nude, fino a una particolare nuance champagne rosé che abbiamo proposto nella nuova collezione”.
 
La proposta Jillian 2020 si suddivide in diverse linee in base a differenti ispirazioni: “Fashion”, pensata per una sposa attenta alle tendenze dell'alta moda; “Bon Ton”, per chi ama gli abiti senza pizzi o ricami; “New Romantic”, per la sposa sognatrice, amante dell'abito tradizionale, ricco e ampio; “Sirena”, per chi vuole avere un tocco sexy anche il giorno del matrimonio; “Bohemian”, più spontanea e informale, pensata per le cerimonie all'aperto, al mare o in campagna.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

MatrimonioDistribuzione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER