Jack Ma come Bill Gates, lascia Alibaba e si dà alla filantropia

Il giorno dell''abdicazione è arrivato. Oggi Jack Ma, fondatore e principale azionista dell'impero economico targato Alibaba, lascerà la presidenza del colosso cinese dell'e-commerce a David Zhang, attuale Ceo della compagnia, per concentrarsi sulla filantropia e sull'istruzione.

Jack Ma, fondatore del gruppo Alibaba - ansa

Ex insegnante di inglese, la cui immagine spesso giocosa ha infranto lo stereotipo del triste dirigente cinese, Ma non ha scelto a caso la data del 10 settembre per questo importante passo: oggi infatti festeggia i suoi 55 anni e i 20 anni dell'e-commerce, creato nel 1999 nel suo appartamento di Hangzhou, dopo la laurea alla Normale di Hangzhou.

"Non è la fine di un'era ma l'inizio di una nuova, per me. Ho ancora molti sogni da realizzare. Chi mi conosce sa che non mi piace stare senza fare niente. Il mondo è grande e io sono ancora giovane, quindi voglio provare nuove cose, perché se nuovi sogni possono essere realizzati", ha scritto lo scorso anno in una lettera aperta che annunciava la mossa.

Ma ha ora in programma di investire la sua vasta fortuna - con un patrimonio da 41 miliardi di dollari è tra i più ricchi della Cina e al 20esimo posto secondo Forbes - in iniziative a servizio del suo primo amore, l'educazione, seguendo le orme di un altro innovatore tecnologico che ammira: Bill Gates. "Ci sono molte cose che posso imparare da lui. Non potrò mai essere così ricco, ma una cosa che posso fare meglio è andare in pensione prima", ha detto lo scorso anno in un'intervista.

Copyright © 2019 AdnKronos. All rights reserved.

Nomine
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER