×
1 461
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Global CRM Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
BENEPIU' SRL
Produzione -Qualita'
Tempo Indeterminato · CARPI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Di
Adnkronos
Pubblicato il
28 mag 2012
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Italia Paese 5° partner mondiale della federazione russa, in arrivo guida per imprese italiane

Di
Adnkronos
Pubblicato il
28 mag 2012

L'Italia è per la Russia uno dei principali partner economico-strategici, collocandosi al terzo posto nell'interscambio commerciale con i Paesi dell'Unione europea e al quinto a livello mondiale. Lo scrive il ministro dello Sviluppo economico della Federazione Russa, Elvira Nabiullina, nella prefazione della 'Guida per gli operatori economici italiani nella Federazione Russa', presentata il 17 maggio a Roma, presso la sala Zuccari del Senato, e poi il 18 maggio a Milano, presso la Camera di commercio, in collaborazione con l'Ispi (Istituto per gli studi di politica internazionale).



La guida è stata promossa dall'Ambasciata e realizzata con il contributo di ICE, Camera di commercio italo-russa, Confindustria, Promos, Gim-Unimpresa, Kpmg e Studio legale Pavia e Ansaldo. L'opera sarà poi disponibile anche in formato ebook sul sito dell'ambasciata (www.ambmosca.esteri.it) a partire dal 21 maggio e sarà periodicamente aggiornata on line.

Nel 2011, si legge nella Guida, gli investimenti italiani nell'economia russa hanno continuato ad aumentare, ammontando a circa 600 milioni di dollari, e segnando l'incremento più alto negli ultimi cinque anni. Al momento, gli investimenti italiani cumulati sono pari a circa un miliardo di dollari USA, di cui la maggior parte nell'economia reale.

"Diverse imprese italiane - ricorda il ministro Nabiullina - partecipano a grandi progetti di investimento in Russia. Alenia Aeronautica, ad esempio, prende parte alla creazione e allo sviluppo del Sukhoj-Superjet, Agusta Westland e la russa Vertolfity Rossii (Russian Helicopters) stanno creando un'impresa congiunta per l'assemblaggio di elicotteri, Merloni e Sest-Luve producono nella zona economica speciale di Lipetsk. E' stata avviata la produzione della Ferrero e della Inalca, Berlin-Chemi/Menarini sta costruendo uno stabilimento farmaceutico nella regione di Kaluga".

"Quattro società italiane, Enel Eni Finmeccanica e Unicredit, sono membri - aggiunge - del Consiglio consultivo per gli investitori stranieri in Russia, presieduto dal primo ministro della Federazione Russa. Il governo della Federazione Russa sta operando profonde riforme strutturali, dirette alla creazione di un clima più favorevole agli investimenti".

La ripresa economica in Russia, si legge nella 'Guida per gli operatori economici italiani nella Federazione Russa', sta comportando un costante incremento dei consumi interni, specie di qualità elevata e in assenza di significative produzioni nazionali di tali beni; la crescita delle domanda si traduce quasi esclusivamente in un aumento delle importazioni dall'estero.

Di tali circostanze ha beneficiato anche l'Italia, considerato che nel 2011 le esportazioni italiane in Russia, complessivamente pari a 9,3 miliardi di euro, hanno segnato una crescita (+17,8%) superiore a quella complessiva delle nostre esportazioni verso l'insieme dei Paesi extra UE (+14,9%).

I settori trainanti dell'export italiano in Russia si confermano quello delle macchine e apparecchi meccanici - che da solo rappresenta quasi un terzo del totale e ha conseguito un aumento del 24,2% - e quello alimentare che, pur rappresentando solo il 5,1% del totale, ha segnato una crescita del 23,3%; positive anche le dinamiche del settore tessile, che registra un incremento del 17,5% confermandosi il secondo settore per importanza, e di quello degli articoli in pelle e cuoio, che avendo registrato uno sviluppo del 20,1% si ragguaglia al 7,1% del totale.

La percezione del Made in Italy presso il pubblico russo, si legge nella Guida, è legata prevalentemente a beni di consumo nel settore agroalimentare, nella moda e nel design. Meno conosciute, ma altrettanto apprezzate dagli addetti ai lavori, sono le eccellenze italiane in altri campi - macchinari, tecnologia, beni industriali intermedi - che riguardano circa il 50% delle nostre esportazioni. In questi settori l'Italia ha conquistato importanti quote di mercato (nei settori dei macchinari per la lavorazione del legno, della plastica, del materiale di imballaggio per prodotti alimentari, delle macchine per l'agricoltura ecc.), collocandosi saldamente al secondo posto, dopo la Germania.

La posizione del Belpaese nel settore dei beni strumentali e di consumo beneficia del favore con il quale i consumatori russi guardano al Made in Italy, sinonimo di qualità, soffrendo del crescente ingresso nella Federazione Russa di merce contraffatta. La presenza commerciale italiana, inoltre, permane ancora concentrata a Mosca e San Pietroburgo.

Un limite all'incremento della penetrazione commerciale di prodotti italiani è rappresentato dall'assenza di imprese italiane nella grande distribuzione commerciale, dove invece sono molto attive numerose società straniere (francesi, svedesi, tedesche e turche).

Copyright © 2023 AdnKronos. All rights reserved.