×
1 361
Fashion Jobs
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Industrializzatore/Industrializzatrice Pelletteria
Tempo Indeterminato · PADOVA
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Direttore - Department Store Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Media Insights Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
THUN SPA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Affiliate E-Commerce Coordinator
Tempo Indeterminato · CHIASSO
VERSACE
Stock Controller - Napoli
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Responsabile Ricerca Tessuti
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
TBD EYEWEAR
Creative Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Accessori Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
AZIENDA RETAIL
Marketing Director
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Quality Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
FOURCORNERS
Sales Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Sales Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
RANDSTAD ITALIA
Art Director - Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Trademark Attorney
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
2 lug 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Intesa all'Ocse, 130 Paesi appoggiano la minimum tax globale

Di
Ansa
Pubblicato il
2 lug 2021

Le maggiori economie al mondo, incluse Cina e India, dicono sì alla minimun tax globale del 15% sulle multinazionali. Dopo lunghe e difficili trattative a Parigi in seno all'Ocse, 130 Paesi appoggiano l'accordo destinato a ridisegnare il sistema di imposizione fiscale mondiale facendo pagare alle grandi aziende - Apple, Amazon e Facebook incluse - la loro giusta quota di tasse dove operano.

Il segretario al Tesoro Usa, Janet Yellen - Ansa


Per gli Stati Uniti di Joe Biden, promotori dell'intesa, si tratta di un successo. Il presidente americano brinda a un "passo in avanti verso un'economia più giusta per i lavoratori e la classe media". Un'intesa - aggiunge - che non consentirà più alle multinazionali "di mettere i Paesi gli uni contro gli altri nel tentativo di far abbassare le tasse e proteggere i loro profitti a spese delle entrate pubbliche. Non saranno più in grado di evitare di pagare la loro giusta quota di imposte nascondendo i profitti generati in giurisdizioni a bassa imposizione".

Il segretario al Tesoro, Janet Yellen, gli fa eco parlando una di "giornata storica per la diplomazia economica" e di un enorme progresso per mettere fine alla "corsa al ribasso" della tasse: l'accordo crea un contesto competitivo in cui gli "Stati Uniti possono vincere".

Soddisfazione anche in Europa. Il commissario europeo agli Affari Economici, Paolo Gentiloni, parla di "storico passo verso una tassazione più equa". Il ministro delle finanze tedesco, Olaf Scholtz, di progresso per una "maggiore giustizia fiscale". Per l'omologo francese Bruno Le Maire si tratta dell'intesa internazionale sul fisco "più importante da un secolo", mentre il cancelliere dello scacchiere Rishi Sunak la definisce una "nuova tappa nella missione di riformare la tassazione globale".

Fredda invece l'Ungheria, uno dei nove Paesi che non hanno sottoscritto l'accordo insieme a Estonia, Barbados, Saint Vincent e Grenadine, Nigeria, Kenya, Perù, Sri Lanka. Non ha firmato neanche l'Irlanda, da molti considerata uno dei maggiori paridi fiscali europei. Con una tassa sulle aziende del 12,5%, Dublino negli anni ha infatti attirato molti grandi colossi, da Apple a Google senza dimenticare Pfizer.

L'intesa genererà circa 150 miliardi di dollari l'anno di ulteriori entrate fiscali, andando così ad aiutare i conti pubblici di molti stati dopo un anno di pandemia. E potrebbe mettere fine alla battaglia sulla tassazione dei giganti del web che realizzano ricavi online in Paesi dove la loro presenza fisica è limitata o inesistente.

L'accordo propone un nuovo sistema per determinare quali Paesi possono tassare Big Tech e come, rimuovendo potenzialmente una serie di web tax nazionali. Molti dettagli restano ancora da definire, ma l'appoggio di 130 paesi spiana la strada a un accordo di principio dal G20 di Venezia come si augura anche il commissario Ue, Paolo Gentiloni: "Oggi è stato compiuto un passo storico verso una tassazione più equa delle multinazionali. Fiducioso che il G20 sosterrà questo accordo senza precedenti il prossimo fine settimana", spiega.

L'accordo "aggiorna elementi chiave del sistema di tassazione internazionale, che non è più adatto all'economia globalizzata e digitalizzata del XXI secolo", afferma l'Ocse in una nota. Per l'amministrazione Biden l'intesa è un successo perché la minimun tax globale è un elemento essenziale del piano del presidente per aumentare le entrate fiscali del suo governo e contribuire così a finanziare la sua ambiziosa agenda economica, che prevede investimenti per 4.000 miliardi di dollari.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Industry