×
1 341
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta Human Resources Generalist (Creative Talents)
Tempo Indeterminato · MILANO
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato ·
JIMMY CHOO
Stock Controller
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
PVH ITALIA SRL
E-Commerce Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Facility & IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Vip Key Account Manager / Online Sales Associate
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
E-Commerce Coordinator
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace Manager (Farfetch)
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace / Multichannel Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Export Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Industrializzatore
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Menswear Brand Sales Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Expansion Manager Nord
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Digital Customer Care Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
Di
Ansa
Pubblicato il
2 lug 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Intesa all'Ocse, 130 Paesi appoggiano la minimum tax globale

Di
Ansa
Pubblicato il
2 lug 2021

Le maggiori economie al mondo, incluse Cina e India, dicono sì alla minimun tax globale del 15% sulle multinazionali. Dopo lunghe e difficili trattative a Parigi in seno all'Ocse, 130 Paesi appoggiano l'accordo destinato a ridisegnare il sistema di imposizione fiscale mondiale facendo pagare alle grandi aziende - Apple, Amazon e Facebook incluse - la loro giusta quota di tasse dove operano.

Il segretario al Tesoro Usa, Janet Yellen - Ansa


Per gli Stati Uniti di Joe Biden, promotori dell'intesa, si tratta di un successo. Il presidente americano brinda a un "passo in avanti verso un'economia più giusta per i lavoratori e la classe media". Un'intesa - aggiunge - che non consentirà più alle multinazionali "di mettere i Paesi gli uni contro gli altri nel tentativo di far abbassare le tasse e proteggere i loro profitti a spese delle entrate pubbliche. Non saranno più in grado di evitare di pagare la loro giusta quota di imposte nascondendo i profitti generati in giurisdizioni a bassa imposizione".

Il segretario al Tesoro, Janet Yellen, gli fa eco parlando una di "giornata storica per la diplomazia economica" e di un enorme progresso per mettere fine alla "corsa al ribasso" della tasse: l'accordo crea un contesto competitivo in cui gli "Stati Uniti possono vincere".

Soddisfazione anche in Europa. Il commissario europeo agli Affari Economici, Paolo Gentiloni, parla di "storico passo verso una tassazione più equa". Il ministro delle finanze tedesco, Olaf Scholtz, di progresso per una "maggiore giustizia fiscale". Per l'omologo francese Bruno Le Maire si tratta dell'intesa internazionale sul fisco "più importante da un secolo", mentre il cancelliere dello scacchiere Rishi Sunak la definisce una "nuova tappa nella missione di riformare la tassazione globale".

Fredda invece l'Ungheria, uno dei nove Paesi che non hanno sottoscritto l'accordo insieme a Estonia, Barbados, Saint Vincent e Grenadine, Nigeria, Kenya, Perù, Sri Lanka. Non ha firmato neanche l'Irlanda, da molti considerata uno dei maggiori paridi fiscali europei. Con una tassa sulle aziende del 12,5%, Dublino negli anni ha infatti attirato molti grandi colossi, da Apple a Google senza dimenticare Pfizer.

L'intesa genererà circa 150 miliardi di dollari l'anno di ulteriori entrate fiscali, andando così ad aiutare i conti pubblici di molti stati dopo un anno di pandemia. E potrebbe mettere fine alla battaglia sulla tassazione dei giganti del web che realizzano ricavi online in Paesi dove la loro presenza fisica è limitata o inesistente.

L'accordo propone un nuovo sistema per determinare quali Paesi possono tassare Big Tech e come, rimuovendo potenzialmente una serie di web tax nazionali. Molti dettagli restano ancora da definire, ma l'appoggio di 130 paesi spiana la strada a un accordo di principio dal G20 di Venezia come si augura anche il commissario Ue, Paolo Gentiloni: "Oggi è stato compiuto un passo storico verso una tassazione più equa delle multinazionali. Fiducioso che il G20 sosterrà questo accordo senza precedenti il prossimo fine settimana", spiega.

L'accordo "aggiorna elementi chiave del sistema di tassazione internazionale, che non è più adatto all'economia globalizzata e digitalizzata del XXI secolo", afferma l'Ocse in una nota. Per l'amministrazione Biden l'intesa è un successo perché la minimun tax globale è un elemento essenziale del piano del presidente per aumentare le entrate fiscali del suo governo e contribuire così a finanziare la sua ambiziosa agenda economica, che prevede investimenti per 4.000 miliardi di dollari.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Altri
Industry