×
1 325
Fashion Jobs
NUOVA TESI
Responsbaile Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · MODENA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato ·
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Settore Accessori Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Commerciale & Marketing (241.lf.44)
Tempo Indeterminato · USMATE VELATE
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
MARNI
Specialista Tesoreria e co.ge
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Trainer Skincare
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Retail Analyst
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Regional Visual Merchandising Manager German Speaker
Tempo Indeterminato · LUGANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer Man Appareal - Retail Fashion Company
Tempo Indeterminato ·
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Head of Direct Procurement
Tempo Indeterminato ·
PVH ITALIA SRL
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
IL GUFO SPA
Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
ERMANNO SCERVINO
Rspp & Facility Manager
Tempo Indeterminato · BAGNO A RIPOLI
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
23 apr 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Interparfums mostra un forte calo nel primo trimestre e rinvia diversi lanci

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
23 apr 2020

Dopo un buon inizio d’anno, il gruppo specialista dei profumi ha visto crollare la propria attività in Asia durante il primo trimestre dell'esercizio finanziario 2020. Risultato: il suo fatturato, di 103,5 milioni di euro, si è contratto del 18,2% (-19,5% a cambi costanti).

Coach è cresciuto nel 1° trimestre 2020 - Coach


Il gruppo francese spiega che le misure di contenimento poste in atto nei vari Paesi per affrontare la crisi sanitaria hanno penalizzato notevolmente la sua attività. Le vendite della società in Medio Oriente sono diminuite del 44% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, e del 29% in Asia.
 
Nel 2019, il gruppo aveva anche beneficiato del dinamismo fornito dai lanci di nuovi prodotti. Il calo delle vendite ha interessato in particolare il suo asset principale, Montblanc, le cui vendite sono scese del 31%, a 27,9 milioni di euro. Jimmy Choo e Lanvin accusano contrazioni del 26% e 40%, mentre Boucheron cala del 48%. La buona notizia viene da Coach, le cui vendite sono progredite del 40%, a 26,4 milioni di euro. Per la fine del semestre, il gruppo si aspetta un business ancora fortemente penalizzato.

“Sebbene alcuni segnali incoraggianti di ripresa pervengano attualmente da diversi Paesi asiatici, l'attività nel secondo trimestre sarà ancora molto influenzata dalla situazione attuale”, spiega Philippe Benacin, il PDG di Interparfums. “sarà la riapertura graduale della rete di profumerie selettive, soprattutto negli Stati Uniti e in Europa, che condizionerà la ripresa graduale delle operazioni. Siamo già rivolti e mobilitati verso l'anno 2021, che potrà beneficiare pienamente della qualità dei nostri marchi, della solidità delle nostre linee di punta, della forza del nostro modello di business e del coinvolgimento di tutti i nostri dipendenti”.
 
Il gruppo ha anche deciso di rimandare diversi lanci di fragranze al prossimo anno. Così, i nuovi profumi di Kate Spade e Jimmy Choo, i cui lanci sono considerati strategici dal gruppo, dovranno aspettare alcuni mesi.
 
In questo contesto, la società proporrà all’assemblea generale degli azionisti, nel mese di giugno, l'abolizione del dividendo di 0,71 euro inizialmente annunciato per il 2019. Tuttavia, si riserva un'alternativa e “non esclude la distribuzione di un dividendo eccezionale nella seconda metà dell'anno”.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.