Interparfums manifesta più che mai grandi ambizioni

Interparfums conclude l'esercizio 2014 con un fatturato di 297 milioni di euro, per un aumento del 19% a tasso di cambio e perimetro costanti.
Montblanc resta il leader del portafoglio marchi di Interparfums.

Questa crescita, superiore alle ultime previsioni, è sempre trainata dai pilastri olfattivi del gruppo: Montblanc, Lanvin e Jimmy Choo. Tre marchi che insieme generano il 73% dell'attività del gruppo.

Questa percentuale potrebbe ancora crescere. Lo specialista dell'ideazione di profumi su licenza ritiene infatti che nel breve periodo Montblanc dovrebbe generare 100 milioni di euro, contro gli 83,4 milioni del 2014, per un aumento del 33%. Inoltre, nel 2015, il primo marchio del gruppo si declinerà in versione femminile con il lancio di “Lady Emblem”.

Interparfums punta anche sui principali “sfidanti” di Montblanc fra i marchi che annovera nel suo portafoglio. Il potenziale di Boucheron che, nel 2014 ha registrato un calo del 20%, a 14 milioni di euro, subendo le conseguenze di un anno senza lanci, è stimato a 20 milioni di euro. Il brand lancerà in primavera una coppia di fragranze chiamata “Quatre”. Van Cleef & Arpels, 17,7 milioni di euro nel 2014, in contrazione del 7%, dovrebbe anch'esso raggiungere i 20 milioni di euro di giro d'affari.

Con un flusso di cassa netto pari a 224 milioni di euro, Interparfums vuole ancora espandere il proprio portafoglio di brand. Philippe Benacin afferma che negli ultimi tre mesi le trattative per potenziali acquisizioni si sono intensificate.

Il PDG di Interparfums rinuncia a fornire ulteriori dettagli, ma precisa comunque che il gruppo non è interessato dalla profumeria di alta gamma, contrariamente al rivale catalano Puig, che ha appena acquistato i marchi Penhaligon’s e L'Artisan Parfumeur.

Nello scorso novembre, Philippe Benacin spiegava in effetti di essere alla ricerca di una licenza per un brand dalla grande reputazione e popolarità, contrariamente alle sue due licenze più recenti, Karl Lagerfeld (18,2 milioni di euro di fatturato nel 2014) e Repetto (9,3 milioni di euro nel 2014).

Interparfums, che oggi realizza l'80% del proprio fatturato all'estero, ha visto calare del 4% le vendite in Francia, a 28,3 milioni, penalizzate soprattutto dalla fusione di Douglas e Nocibé.

La Francia pesa per il 9% sull'attività della zona Europa Occidentale. Una regione che, con 66,8 milioni di euro di fatturato nel 2014 (+24%), rappresenta il 23% del business del gruppo davanti all'America del Nord, che pesa 60,7 milioni di euro, in aumento del 18%.

Interparfums, che pubblicherà i propri risultati il prossimo 11 marzo, punta ad ottenere un fatturato 2015 compreso fra i 310 e i 320 milioni di euro.

Sarah Ahssen (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

ProfumiBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER