×
1 445
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Adnkronos
Pubblicato il
2 lug 2012
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Infradito, 50 anni di storia e glamour senza neanche un segno di invecchiamento

Di
Adnkronos
Pubblicato il
2 lug 2012

La prima volta fu nel 1962, in Brasile. Nasce una scarpa di gomma, low cost, liberamente ispirata al sandalo tradizionale giapponese con i chicchi di riso stampati sulla suola. Rivoluzionaria per comodità, resistenza, prezzo a buon mercato. Brindano al 50esimo compleanno le infradito (o havaianas).


Foto: Adnkronos

A distanza di anni non hanno perso nulla del loro smalto e glamour. Simbolo di uno stile di vita dinamico, intraprendente, informale. Amate da uomini e donne, fanciulle soprattutto, persino da istituzioni e politici.

Nello stesso periodo nasceva un'altro indumento rivoluzionario destinato a resistere al tempo: la minigonna di Mary Quant (o, secondo alcuni, dello stilista francese André Courrèges), che da lì a pochi anni avrebbe spopolato tra le giovani cambiando per sempre la moda e l'immagine femminile.

Ma se la mini resta simbolo incontrastato dell'emancipazione femminile, nessuno mai, come accaduto invece alle havaianas intorno agli anni '80 in Brasile, la battezzò 'bene di prima necessità'.

Le infradito vennero infatti considerate indispensabili, parsimoniose nella loro eleganza minimal, per camminare, correre, passeggiare sulle spiagge di Ipanema. Un trend che incuriosì le grandi maison storiche. Dalla gomma alla tomaia il passo fu molto breve. Debuttano sulle passerelle le aristo-infradito. Edizioni limitate, naturalmente, per Celine, Missoni, Stern, Paul Joe, Pinel, Agatha Ruiz de la Prada (coloratissime e create con plastiche speciali), ma anche realizzate con pietre dure o preziose, sofisticate e al passo con i tempi, ricchissime, sfarzose, incastonate con diamanti e oro a 18 carati.

Havaianas
Havaianas e Paul&Joe, estate 2010

In commercio, da qualche tempo, anche le infradito bon ton con rose, fiocchi o pon pon, indossate dall'attrice Kate Hudson o da Ashley Olsen o trasformate in scarpe da sposa, chic e eleganti, per matrimoni da celebrare sulla spiaggia, su panfili e navi, come John John Kennedy e Caroline Bessette (l'isola di Cumberland, all'interno di un'antica chiesa battista) o il regista di origine siciliana Massimo Piparo con la giovane attrice Samuela Sardo. Cresce la voglia di infradito con il caldo.

Il grande cinema riporta alla memoria celebri flash di attrici immortali, che hanno indossato le infradito (o flip flop) rivisitate, corrette dai maestri delle botteghe artigiane di Positano, Sorrento, Amalfi, Capri. Sophia Loren, Greta Garbo, Audrey Hepburn, Rita Hayworth, Elisabeth Taylor (Enzo Albanese firmò per lei le prime scarpe tempestate di diamanti e swarovski nel 1959), ma anche Jacqueline Bouvier Onassis, vedova Kennedy, o le gemelle Kessler.

La contemporaneità si è impossessata del mito delle infradito. Per comodità, forse, grazie al suo disegno classico e stilizzato. Un cuore di apparente semplicità sul quale possono essere inseriti tocchi di stravagante innovazione. Come le 'tongs' di Casadei, create in plastica laccata con strass noirs, sfumate sui colori caramellati. Il verde pistacchio, il giallo acido, l'orange' e il rosa confetto. Creatività e glamour per la stilista Paula Soler, che per l'estate 2012 ha immaginato un modello con suola viola e t-bar impreziosito da un riccio di tessuto a contrasto e chiuso da trecce e cinturini strette intorno alla caviglia. Modello perfetto per interpretare lo spirito dell'estate.

Copyright © 2023 AdnKronos. All rights reserved.

Tags :
Moda
Scarpe
People