×
1 657
Fashion Jobs
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager Arredo Design
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Moulds & Soles Buyer
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
Senior Buyer - Menswear
Tempo Indeterminato · MILANO
S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SRL
Responsabile di Produzione Moda d'Alta Gamma
Tempo Indeterminato · PESCARA
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Controllo Qualità-Accessori e Minuterie
Tempo Indeterminato · VIGONZA
SLAM JAM SRL
Back Office Specialist
Tempo Indeterminato · FERRARA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Customer Experience Manager_premium Brand Lingerie _ Orio al Serio
Tempo Indeterminato · ORIO AL SERIO
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
MIRA GROUP SRL
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · POGGIOMARINO
CONFIDENZIALE
Responsabile Amministrativo/Contabile
Tempo Indeterminato · FIRENZE
DIAMONDS 4U SRL
Jewelry Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LYLIANE
Purchasing Manager
Tempo Indeterminato · VIGONZA
CONFIDENZIALE
Commerciale Junior Nord Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
21 dic 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

In Italia stop all'allevamento di animali da pelliccia entro 6 mesi

Pubblicato il
21 dic 2021

La Commissione Bilancio del Senato della Repubblica ha votato oggi per approvare una versione modificata di un emendamento alla legge di bilancio che vedrà la chiusura dei restanti allevamenti di visoni del Paese entro sei mesi e il divieto permanente degli allevamenti in tutta Italia.

HSI/Europe


Secondo il quotidiano La Stampa di Torino, sono ancora 10 gli allevamenti di visoni formalmente attivi nel Bel Paese, 5 dei quali ormai senza animali, che danno lavoro a 14 persone, ma la loro operatività era già stata sospesa fino alla fine del 2021 a causa dell’emergenza Covid.
 
Il voto segue le discussioni intrattenute con l'organizzazione per la protezione degli animali Humane Society International/Europe, che ha presentato soluzioni pratiche e strategiche per chiudere e convertire gli allevamenti di animali da pelliccia in attività alternative, umane e sostenibili nel suo recente rapporto “Mink breeding in Italy: Mapping and future perspectives” (“Allevamento di visoni in Italia: mappatura e prospettive future”).

Sebbene la decisione richieda l'approvazione finale da parte del Parlamento, dovrebbe essere approvata entro la fine dell'anno, rendendo l'Italia il 16° Paese in Europa a vietare l'allevamento di animali da pelliccia. Molti marchi di moda italiani hanno già rinunciato alla pelliccia, tra cui Valentino, Armani, Gucci, Prada e Versace, ricorda nel proprio comunicato HSI/Europe, che definisce “una vittoria storica per la protezione degli animali in Italia” il provvedimento nelle parole di Martina Pluda, direttrice di Humane Society International in Italia.
 
“HSI/Europe è immensamente orgogliosa che la nostra strategia di conversione degli allevamenti di animali da pelliccia abbia svolto un ruolo centrale nello smantellamento di questa crudele e pericolosa industria nel nostro Paese”, prosegue Pluda. “Ci sono ragioni economiche, ambientali, di salute pubblica e ovviamente di benessere degli animali molto chiare per chiudere e vietare gli allevamenti di animali da pelliccia. Il voto di oggi riconosce che consentire l'allevamento di massa di animali selvatici per la moda frivola delle pellicce rappresenta un rischio sia per gli animali che per le persone che non può essere giustificato dai limitati benefici economici che offre a una piccola minoranza di persone coinvolte in questa crudele industria”.
 
La proposta di conversione dell'allevamento di animali da pelliccia di HSI/Europe è stata approvata dall’Onorevole Michela Vittoria Brambilla, che ha avviato l'azione politica per attuare la strategia di riconversione con i fondi pubblici esistenti, e dalla Senatrice Loredana De Petris, che ha presentato formalmente l'emendamento.

AFP


L'emendamento approvato include il divieto immediato dell'allevamento di animali da pelliccia, tra i quali visoni, volpi, cani procioni e cincillà, e la chiusura di tutti gli allevamenti da pelliccia attivi in ​​Italia entro il 30 giugno 2022, nonché un’indennità per gli agricoltori, coperti da un fondo del Ministero dell'Agricoltura, per un totale di 3 milioni di euro nel 2022. 
 
“In trent'anni di battaglia per i diritti degli animali questa è la vittoria più bella. Finalmente un voto parlamentare sanziona la fine di indicibili sofferenze inflitte agli animali solo in nome del profitto e della vanità”, ha aggiunto l’Onorevole Brambilla, che è anche presidentessa dell'intergruppo parlamentare per i diritti degli animali e della lega italiana per la difesa degli animali e dell'ambiente. “Ora si attende l'approvazione definitiva della legge di bilancio, ma la volontà politica è stata espressa con chiarezza”.
 
“Con così tanti designer, rivenditori e consumatori che rinunciano alle pellicce, la conversione degli allevamenti di animali da pelliccia offre alle persone un futuro sostenibile che la pelliccia in commercio semplicemente non può fornire”, ha detto ancora Martina Pluda.
 
Humane Society International ha infine tenuto a ricordare che a dicembre 2021, focolai di Covid-19 sono stati confermati in 465 allevamenti di visoni di 12 nazioni, tra cui l'Italia (dieci in Europa, più Stati Uniti e Canada). Nel febbraio 2021, l'Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare aveva riferito che tutti gli allevamenti di visoni dovrebbero essere considerati a rischio di epidemie di Covid-19. Nel gennaio 2021, una valutazione dei rischi pubblicata congiuntamente dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura e dall'Organizzazione Mondiale per la Salute Animale ha riconosciuto l'Europa come una regione ad alto rischio in relazione all'introduzione e alla diffusione della SARS-CoV-2 all'interno degli allevamenti di animali da pelliccia, oltre alle ricadute dagli allevamenti di animali da pelliccia all'uomo e alla trasmissione di SARS-CoV-2 dagli allevamenti di animali da pelliccia alle popolazioni selvatiche sensibili. 

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.