×
1 418
Fashion Jobs
MICHAEL PAGE ITALIA
Senior Buyer Settore Moda
Tempo Indeterminato · PRATO
MICHAEL PAGE ITALIA
Regional Account Manager Nord Italia Per Realtà di Bigiotteria
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
Junior Product Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
E-Commerce e Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Global CRM Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
BENEPIU' SRL
Produzione -Qualita'
Tempo Indeterminato · CARPI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
2 dic 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

In Cina cresce l'appeal del fashion Made in Italy

Di
Ansa
Pubblicato il
2 dic 2020

Il settore della moda italiana sta lavorando duramente per assicurarsi di 'rimanere di moda' in Cina, l'importante mercato a più rapida crescita al mondo per l'abbigliamento e gli accessori di fascia alta.

Ansa


I principali player del settore all'agenzia Xinhua dichiarano che la Cina è un mercato sempre più importante per le case di moda italiane.

La Cina "è una delle poche aree in cui possiamo dire che le cose stanno andando piuttosto bene per le aziende di moda", afferma in un'intervista Mario Boselli, presidente della Fondazione Italia-Cina. "Le aziende italiane sono tra i principali operatori del mercato e stanno adottando le misure necessarie per mantenere le cose come sono".

Secondo Nicola Guerini, direttore generale del Milan Fashion Institute, il successo dei prodotti di moda italiani e di altri marchi italiani non di moda in Cina rappresenta per le aziende una base solida su cui costruire. "Il marchio 'Made in Italy' ha valore in Cina", dice Guerini a Xinhua. "I consumatori cinesi sono sempre più interessati ai prodotti di fascia alta e l'etichetta 'Made in Italy' su un prodotto è un segno che si tratta di qualcosa di un certo livello".

Boselli concorda: "Le due chiavi del successo non solo in Cina ma nella maggior parte dei mercati sono che un prodotto deve avere un bel design e deve essere ben fatto", dichiara. "Questo è ciò che rappresenta il 'Made in Italy'".

L'importanza del mercato cinese è amplificata dal fatto che l'economia cinese è una delle poche al mondo ad essere uscita relativamente indenne dalla pandemia di coronavirus. Secondo uno studio pubblicato la scorsa estate da GlobalData, la Cina è destinata a uscire dalla pandemia come maggiore mercato al mondo della moda di fascia alta. Lo scorso anno, prima dell'inizio della pandemia, il rapporto di GlobalData mostrava la Cina seconda agli Stati Uniti. Ma, mentre per il mercato globale dell'abbigliamento e quello degli Stati Uniti si prevede una drastica contrazione, il mercato cinese è molto meno influenzato. Un funzionario di GlobalData conferma a Xinhua che le tendenze indicate nel rapporto erano ancora pertinenti.

"Le vendite dell'abbigliamento impiegheranno un po' di tempo per riprendersi, a causa del calo della fiducia dei consumatori, della crisi del turismo e della minaccia di un'imminente recessione globale e di alti livelli di disoccupazione", dichiara in un comunicato l'analista delle vendite al dettaglio di GlobalData, Vijay Bhupathiraju. "Ma alcuni mercati in Cina stanno già assistendo a un ritorno nei negozi fisici con tassi dall'80 al 100% rispetto ai livelli pre-Covid".

Guerini spiega che i cambiamenti al mercato globale della moda potrebbero finire per avvantaggiare alcune case di moda. "Prima della pandemia, un consumatore cinese poteva acquistare un prodotto durante un viaggio a Milano o Roma o Parigi, e questo rappresentava la fine della transazione", dice. "Ora, conoscono i marchi e li acquistano in un negozio locale nella loro città natale. Questo può creare una relazione perché il negozio può comunicargli quando sono disponibili nuovi prodotti, o quando ci sono vendite o eventi speciali", aggiunge Guerini.

Secondo Boselli, le aziende italiane faranno bene finché la domanda da parte dei clienti cinesi resterà elevata, ma la domanda crescente rivela altre aree deboli. "Le aziende nel tempo dovranno migliorare i propri canali di distribuzione", dice.

Copyright © 2023 ANSA. All rights reserved.