In Etiopia i lavoratori del tessile meno pagati al mondo

I lavoratori del tessile in Etiopia, che producono per marchi come H&M, Gap, Calvin Klein e Tommy Hilfiger, sono i meno pagati al mondo, guadagnando solo 26 dollari (23 euro) al mese, pari a meno di un terzo dei 95 dollari (84 euro) corrisposti ai loro colleghi di Bangladesh e Myanmar.

KAY NIETFELD / DPA / AFP

È quanto emerge da una ricerca del Center Stern for Business and Human Rights, dell'Università di New York, intitolata "Made in Etiopia: le sfide della nuova frontiera dell'industria dell'abbigliamento".

La ricerca è stata condotta ad Hawassa, uno dei cinque parchi industriali inaugurati dal governo a partire dal 2014 per incentivare gli investimenti stranieri.

Sono circa 25.000 i lavoratori impiegati ad Hawassa, secondo quanto precisato dalla ricerca, "in un settore in fase nascente che il governo prevede garantirà miliardi di dollari di vendite". Ma per gli studiosi l'auspicio di Addis Abeba di passare dagli attuali 145 milioni di dollari di export a circa 30 miliardi di dollari l'anno appaiono "irrealistici", a fronte di salari bassi che comportano scarsa produttività, scioperi regolari e alti tassi di scontro.

Per questo nella ricerca si invita il governo di Addis Aeba a fissare un salario minimo, oggi inesistente, e a definire un piano economico a lungo termine che rafforzi il settore dell'abbigliamento.

Fonte: APCOM

TessileIndustry
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER