×
385
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital go to Market Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM S.P.A.
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · GALLARATE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Content Specialist
Tempo Indeterminato ·
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Commercial Legal Counsel
Tempo Indeterminato · MILAN
CONFIDENZIALE
Senior Merchandising Manager - Women's
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Nord e Centro Europa - Abbigliamento Lusso
Tempo Indeterminato ·
MICHAEL PAGE ITALIA
Responsabile Commerciale Linea Donna - Abbigliamento Lusso
Tempo Indeterminato ·
THUN SPA
Head of Demand Management
Tempo Indeterminato · BOLZANO
THUN SPA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Rtw Talent Development Partner
Tempo Indeterminato · NOVARA
ANONIMO
e - Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistic Planning And Outbound Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ST. BARTH SRL
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Digital Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Media Content Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LK
Sales
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Supply Chain Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager Retail
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Mrtw Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PRAXI
Responsabile Pianificazione Produzione Pelletteria Production Planning Manager Leather Goods
Tempo Indeterminato · FIRENZE
Di
Ansa
Pubblicato il
21 apr 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il tessile pratese si ribella al lockdown

Di
Ansa
Pubblicato il
21 apr 2020

Circa 200 aziende del distretto industriale tessile di Prato hanno inviato il 20 aprile, per e-mail, comunicazione di "parziale riapertura delle attività" alla prefettura di Prato e alla presidenza del Consiglio dei ministri sottolineando di non poter attendere la riapertura delle attività fissata dal Governo per il 4 maggio.

Il tessile pratese


Nella comunicazione, inviata con indirizzo di posta certificata, si fa presente che i prodotti tessili sono stagionali in quanto sono legati al ciclo della moda e quindi "deperibili": dunque, per evitare il rischio di annullamenti degli ordini o richieste di risarcimento danni per mancate consegne, le aziende riprendono le attività.

Le imprese in questione non fanno parte di quelle che possono agire in deroga al lockdown, dunque l'invio del documento è una provocazione che ha il marchio della protesta.

Nelle comunicazioni si sostiene anche che "l'obsolescenza tecnica dei prodotti del settore del tessile e dell'abbigliamento è pari a quella della filiera alimentare, in quanto attività fortemente stagionale, e che le aziende contoterziste sono essenziali per mantenere attivo il ciclo produttivo della filiera della moda e del Made in Italy".

Inoltre, "il mancato rispetto dei tempi di consegna previsti dai singoli capitolati potrebbe esporre i nostri clienti (ma indirettamente anche la nostra azienda) a considerevoli penali e/o richieste di risarcimento danni difficilmente sopportabili dai conti economici aziendali già provati dall'emergenza" mentre invece "sono già stati posti in essere (o lo saranno per la data di riapertura) tutte le precauzioni e protocolli anti-contagio previsti sia dalla legislazione nazionale che regionale".

Peraltro, affermano le imprese nella lettera, "l'ingresso dei dipendenti e collaboratori in azienda avverrà solo su base volontaria, senza nessun obbligo a carico del singolo dipendente" e "la riapertura riguarderà solamente alcuni reparti produttivi essenziali, fermo restando che le altre attività rimarranno sospese o saranno effettuate in smart working".

"Le persone che hanno prodotto le dichiarazioni di apertura anticipata delle aziende devono sapere che stanno agendo attualmente in maniera contraria alla legge, come peraltro ammettono nella dichiarazione prodotta. Se davvero riapriranno, si assumeranno le proprie responsabilità", ha commentato il Prefetto di Prato, Lucia Volpe, dopo una riunione con Confindustria Toscana nord. "Comprendo la difficoltà del momento”, continua il prefetto, “ma il nostro compito è far rispettare le regole a tutela della salute dei lavoratori e di tutta la cittadinanza".

Copyright © 2020 ANSA. All rights reserved.