×
1 542
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Qualitative & Quantitative Research Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Sales Manager - Jewellery
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain - Demand Planning Emea
Tempo Indeterminato · FIRENZE
JIMMY CHOO
Stock Controller Incluse Categorie Protette l. 68/99
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
LUCA FALONI SRL
Full Time - Responsabile Magazzino e Coordinatore Ordini Online
Tempo Indeterminato · BERGAMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Marketing And Communication Manager - English And French
Tempo Indeterminato ·
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Analista di Processi Finance & Controlling
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Senior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Illuminazione - Design
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Head of Operations
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Lavorazioni Intermedie
Tempo Indeterminato ·
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Coordinatore di Magazzino - Department Store
Tempo Indeterminato · PALERMO
PARIS TEXAS
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MONZA
VICE VERSA SRL
Wholesale Area Manager For Local And Int. Markets
Tempo Indeterminato · MILANO
MANPOWER SRL
Business Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Credit Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Digital Acqusition Media Specialist Appartenente Alle Categorie Protette Legge 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Pubblicato il
18 gen 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il settore orafo-gioielliero vede crescere del 7,8% l’export nei primi 9 mesi

Pubblicato il
18 gen 2020

Secondo quanto emerge dall’Osservatorio Federorafi Confindustria Moda, le esportazioni di oreficeria-argenteria-gioielleria nell'anno appena trascorso, dopo il rallentamento del 2018 (-2,4%), sono tornate a crescere in modo vivace, del +7,8% nel periodo da gennaio a settembre 2019, per un totale di oltre 5 miliardi di euro.

Nel 2019 il valore dell’oro ha visto un forte incremento e questo, che pure non si traduce direttamente in valore per le aziende e tende a complicare la lettura dei dati del terzo trimestre 2019, non impedisce però di delineare una situazione rassicurante e positiva, indicano i dati del settore dopo il terzo trimestre d’esercizio forniti congiuntamente da Italian Exhibition Group, Federorafi Confindustria Moda e Federpreziosi Confcommercio.

VicenzaOro/IEG


Il risultato dei primi 9 mesi conferma un trend che dal 2017 ha visto il settore crescere in maniera organica e costante. A conferma di questo andamento positivo si inseriscono infatti anche i dati dell’Osservatorio di Federpreziosi Confcommercio che registrano un atteggiamento positivo delle gioiellerie sull’andamento della propria attività a livello prospettico per il 2020, più accentuato a Nord Est e al Nord Ovest e meno al Centro e al Sud/Isole. In particolare il 53,6% degli associati Federpreziosi ritiene ad oggi che la situazione rimarrà invariata, mentre l’11,2% prevede un ulteriore miglioramento per il 2020 nell’andamento della propria attività.

Secondo queste associazioni di categoria, la solidità e la positiva performance del settore sono essenzialmente riconducibili a due fattori. In primis la conferma dell’Italia come principale fornitore dei grandi brand globali, come dimostrato dal fatto che Francia e Svizzera sono a oggi i primi importatori dei prodotti Made in Italy di oreficeria e gioielleria per un valore di quasi 910 milioni di euro da gennaio a settembre 2019 per la Svizzera e quasi 620 milioni di euro per la Francia (la prima incide così per il 18% sull’intera esportazione della produzione orafo gioielliera italiana e l’altra del 12%). La Francia in particolare quest’anno ha registrato una crescita del 23,5%.

In secondo luogo la tenuta del settore è imputabile alle politiche di sistema che l’Italia ha attivato su alcuni paesi strategici. Soprattutto in in Canada, dove l’abolizione dei dazi si è tradotta in una crescita di oltre il 60% del prodotto italiano su un mercato che vale oltre 80 milioni di euro, e in Giappone, dove la forte riduzione delle imposte doganali fa registrare una crescita che si avvicina al +30% sul 2018.

La stabilità della crescita della per la produzione italiana è confermata anche dalle prestazioni su alcuni mercati tradizionali per i prodotti nostrani: gli USA, che crescono di poco più del 6% andando a incidere di oltre il 10% sull’export complessivo, e Dubai, hub distributivo che riprende forza (sembra aver assorbito l’urto della recente imposizione di dazi e IVA, indica il comunicato) tornando quasi ai valori pre-crisi. Resta critica invece la posizione di Hong Kong, a causa della forte instabilità politica del Paese.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.