×
1 025
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
16 nov 2010
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il settore degli immobili commerciali resiste abbastanza bene alla crisi

Pubblicato il
16 nov 2010

16 nov 2010 – Dei centri-città che resistono piuttosto bene, dei progetti di centri commerciali in calo significativo e degli investimenti in immobili commerciali percepiti come più sicuri in questo periodo di recessione. Il bilancio del settore degli immobili commerciali, realizzato alla vigilia del Mapic (17-19 novembre a Cannes) da BNP Paribas Real Estate, vuole essere prima di tutto realista di fronte al difficile contesto economico europeo.


"L'Heure Tranquille" a Tours, in Francia. (Foto: Pixel Formula)

Prima importante valutazione evidenziata da questo studio, è che le aziende non hanno abbandonato i centri delle città. Al contrario, esse hanno solamente concentrato le loro domande sulle aree prime, perché queste offrono il miglior potenziale di flusso e dunque di volume d'affari. BNP Paribas Real Estate sottolinea anche come l'offerta disponibile in questi centri-città è cresciuta di poco. Fatto che conduce evidentemente come minimo a un mantenimento dei valori locativi.

Così, in Germania, le vie numero 1 per le attività commerciali nei centri-città hanno fatto registrare buone performance durante la crisi, con affitti stabili o in leggera progressione. In Francia, BNP Paribas Real Estate rileva che i valori locativi più bassi sono aumentati in strade dinamiche come i boulevard Saint-Germain e Saint-Michel a Parigi. Anche in Spagna, peraltro duramente colpita dalla recessione, la volontà di sviluppo di alcuni grandi gruppi internazionali (Abercrombie, Uniqlo, Primark) e di aziende di ristorazione ha condotto a un maggiore dinamismo delle transazioni. Fatto che non ha impedito di aumentare il tasso di vacanza, in conseguenza del fallimento di un certo numero di locatari. Infatti, per una volta, l’eccezione viene dalla Gran Bretagna dove gli esercizi commerciali dei centri delle città fanno registrare risultati meno buoni rispetto ai supermercati e ai retail park. Di colpo, gli affitti prime subiscono globalmente una pressione verso il basso.

Riguardo ai centri commerciali, BNP Paribas Real Estate fa la stessa analisi che recentemente ha effettuato l'organizzazione commerciale specializzata Procos. E cioè che c'è stata una diminuzione del numero dei progetti intrapresi, con ambizioni e cifre talvolta riviste al ribasso.

Pertanto, fa notare ancora la società, visto e considerato che le attività commerciali hanno fino ad ora resistito piuttosto bene alla crisi, gli investitori considerano gli immobili commerciali come dei prodotti più sicuri in periodo di recessione. Così, BNP Paribas Real Estate rileva nel primo semestre 2010 un aumento del 67% del volume totale degli investimenti nel settore rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Questi investimenti si sono tuttavia concentrati sui mercati britannico e tedesco, con, rispettivamente, 4,4 miliardi e 4,1 miliardi di euro investiti. A titolo di paragone, in Italia, in Francia e in Spagna, l’investimento non ha superato 1 miliardo di euro. Globalmente, l'investimento in immobili commerciali agisce a scapito di quello nei negozi. Pertanto, i tassi di rendimento sembrano nella migliore delle ipotesi stabilizzarsi, alla peggio calare leggermente a seconda dei mercati, in particolare a causa della concorrenza fra investitori per cogliere le migliori opportunità.

Di Jean-Paul Leroy (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.