×
1 290
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Italia Wholesale – Responsabile Showroom
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
5 giu 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il Salone del Mobile torna al completo a Milano con lusso e moda onnipresenti

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
5 giu 2022

Il Salone del Mobile torna col suo format classico con da una parte la fiera ufficiale ospitata nei padiglioni di FieraMilano City e dall'altra la sua versione “off”, il FuoriSalone, con le sue centinaia di iniziative sparse per la città. Dopo l’annullamento del 2020 e l'edizione dalla portata limitata del 2021, l'evento che invaderà Milano dal 7 al 12 giugno si preannuncia intenso, con una massiccia partecipazione di aziende di moda e lusso, che si preparano a far debuttare i loro tanti lanci, presentazioni ed eventi.

La carta da parati disegnata da Dean e Dan Caten con Londonart - Dsquared2


A cominciare da Louis Vuitton, che festeggia il decimo anniversario della sua collezione “Objets Nomades” lanciata nel 2012, stabilendosi per la prima volta nell'enorme Garage Traversi, nel cuore del Quadrilatero del Lusso. Hermès torna a La Pelota, luogo storico dove fino al 1997 si giocava ancora alla pelota basca, che dal 2019 accoglie le collezioni del sellaio.
 
Non mancano naturalmente i grandi nomi del Made in Italy, con installazioni speciali anche per Giorgio Armani, Versace, Fendi, Missoni, Roberto Cavalli, Diesel, ecc. mentre Prada organizza dal 6 all'8 giugno il simposio multidisciplinare “Prada Frames On Forest” con incontri sui temi del bosco, delle architetture e della mano dell'uomo, e Gucci approfitta della Design Week per aprire il suo pop-up con Adidas.

Con i ripetuti lockdown degli ultimi due anni, legati alla pandemia di Covid-19, il settore dell’arredo casa è letteralmente esploso, registrando una delle crescite più forti nel mercato dei beni di lusso, come confermato dalla presidentessa del Salone del Mobile, Maria Porro, che si aspetta un'edizione “densissima”: “Alla fine la pandemia ci ha giovato. Abbiamo avuto due anni di grandi risultati. L'industria del mobile in Italia ha raggiunto nel 2021 i 26 miliardi di euro, in crescita dell'11% rispetto a 2019”. Secondo l'ultimo rapporto Bain & Company, il mercato globale del design vale 45 miliardi di euro.
 
Sempre più marchi si stanno effettivamente diversificando nel design. Accanto alle grandi firme del lusso, come Dolce & Gabbana, che ha appena lanciato una propria linea di accessori per la casa, o Dsquared2, che ha stretto una partnership con Londonart per produrre una collezione di carte da parati, entrano in gioco anche le etichette più piccole. Come Arthur Arbesser, che lancerà alla Triennale i suoi primi mobili realizzati con il produttore De Rosso, mentre Jacob Cohën si allea con MDF Italia per vestire in denim la sedia “Neil” del designer Jean-Marie Massaud. Persino i gioiellieri si stanno avvicinando a questo filone, unendo le forze con i produttori di porcellane per celebrare l'arte della tavola, come Swarovski con l'azienda tedesca Rosenthal o Buccellati con Ginori 1735.

Prada promette un'installazione speciale e un simposio per la Design Week - Formafantasma


“Credo che la moda a un certo punto abbia capito che il design era capace di sintetizzare un immaginario popolare e che questa connessione con i target, con le comunità che la moda proteggeva in modo così esclusivo e geloso, rappresentasse in realtà un patrimonio interessante”, analizza, davanti ad alcuni giornalisti della stampa estera, Marco Sammicheli curatore per i settori design, moda e artigianato della Triennale di Milano.
 
“Non è un caso che la moda abbia iniziato ad avere un rapporto con il design lanciandosi nelle ‘Home Collections’. In seguito ha capito che l'energia del Salone del Mobile offriva una grande energia di comunicazione. Le maison hanno visto che esistevano dei settori dell’industria creativa che evolvevano altrettanto rapidamente dell’universo fashion, ma con una differenza. Oltre alla velocità, c'era anche la popolarità. Però la moda ha bisogno di essere esclusiva e speciale, ma necessita anche dei grandi numeri per vendere”, conclude.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.