×
1 284
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
ELISABETTA FRANCHI
Digital Marketing Manager
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
FOURCORNERS
Area Manager - Centro Italia
Tempo Indeterminato · ROMA
FOURCORNERS
Direttore Commerciale ww Borse
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
THE ROW
Women's And Men's Footwear Technician
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MALIPARMI
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · ALBIGNASEGO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager
Tempo Indeterminato · MONZA
FOURCORNERS
Sample & Production Planning & Innovation Director
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Production Planner Coordinator
Tempo Indeterminato · PADOVA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
IZIWORK
Area Manager - Abbigliamento Donna
Tempo Indeterminato · REGGIO EMILIA
ANONIMA
Pricing & Costing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Outlet Area Manager Northern Europe
Tempo Indeterminato · MONACO DI BAVIERA
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - lg Procurement & Purchasing Staff - Addetto/a Ufficio Acquisti Packaging Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
Pubblicato il
23 set 2010
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il rapporto fra uomini e Spa analizzato ad Intercharm

Pubblicato il
23 set 2010

24 set 2010 – Durante le giornate di Intercharm, la manifestazione milanese dedicata a cosmesi e bellezza, si è svolta un'interessante tavola rotonda sul rapporto e l'atteggiamento degli uomini verso le Spa. Moderati dalla francese Siska Von Saxenburg, erano presenti Xavier Damar, anch'egli francese, creatore di Edouard and Co., insieme al marocchino Philippe Chéoux, osteopata e creatore di trattamenti specifici per uomo.

Intercharm

Solo il 2% degli uomini si reca nelle Spa, ma si stima che nei prossimi 5 anni il mercato dovrebbe quasi raddoppiare, aumentando del 160%; è un mercato molto giovane, gli uomini iniziano solo ora a scoprire che sono in vendita da tempo prodotti essenzialmente dedicati a loro. E' anche un mercato molto promettente. Forse non così ancora diffuso ed esteso come molti operatori del settore vogliono far credere, ma in netta crescita ed evoluzione. Allo stesso tempo è un mercato difficile, perché gli uomini sono molto esigenti. E' quanto è emerso durante la tavola rotonda moderata col consueto garbo dalla Von Saxenburg, autrice del libro “L'ABC du Spa” e cofondatrice dei siti guidespa.com e proguidespa.com.

Intercharm
Xavier Damar

Secondo Xavier Damar: “Bisogna usare un linguaggio specifico per attrarre la sensibilità maschile, che è molto diversa da quella femminile, bisogna attivare una mentalità diversa da quella che vuol vendere un prodotto sempre solo usando una bella donna, per esempio mentre guida una macchina sportiva. Non si può usare uno stile “macho”, perché sarebbe un autogol. L'uomo deve invece essere consapevole dei risultati ottenuti, che deve poter ammirare ben visibili su di sé e il prodotto dev'essere di semplice utilizzo”, prosegue lo specialista di cosmetici e trattamenti per uomo, che riconosce come “Ogni uomo è diverso dall'altro, ma all'interno della Spa tutti entrano con lo stesso obiettivo: uscirne rilassati”.

Interviene Chéoux: “Gli uomini sono molto attenti al risultato ed è necessario rispettare le caratteristiche vantate dal prodotto, perché se la prima esperienza non è positiva non ritorneranno. Gli uomini dopo 40 minuti non accettano più il trattamento, perché hanno bisogno di occuparsi di altre cose, hanno meno tempo e pazienza rispetto alle donne”. “L'uomo poi”, ha continuato l'osteopata “necessita di trattamenti diversissimi, avendo una diversa texture di pelle e reazioni differenti da quelle femminili e non riesce a rilassarsi quanto le donne, quindi all'interno delle Spa va seguito un percorso completamente diverso, a partire dall'accoglienza, fino al trattamento; il prodotto, il mood, le ragazze, le luci devono quindi essere tutti ben coordinati”.

Sempre secondo Chéoux gli uomini la prima volta si presentano spesso con la loro compagna, che dà loro dei consigli, ma negli ultimi anni le cose stanno cambiando, “il 60% degli uomini compra i prodotti di cosmesi da solo. Anche nei centri commerciali. Indicativamente, circa il 20% dei prodotti per l'uomo è venduto su internet, e il 95% degli uomini effettua i suoi acquisti di prodotti cosmetici on line”. Per l'esperto africano di cosmesi maschile inoltre, “gli uomini sono ancora un po' 'bambini' e quindi più esigenti. Una volta però che hanno capito quanto possa essere positiva l'esperienza della Spa, diventa sempre più difficile soddisfarli. Le aziende (come Dior, Chanel o Azzaro), che hanno creato linee specifiche per uomo si stanno anche un po' ritirando dal settore, perché nella mente degli uomini questi brand son più 'da donna' e questo li fa essere più diffidenti. Non sto dicendo che la Ferrari sia un oggetto solo per uomini, ma i principali acquirenti della Ferrari sono uomini”.

Tutti d'accordo quindi, relatori e moderatrice, nel notare come per i maschi ci sia bisogno di un approccio più personalizzato, olistico. “Gli uomini - come per auto, vino, ristoranti e profumo - sono molto più fedeli alla marca delle donne, tendono a fidelizzarsi di più, e quindi se anche il trattamento della Spa li soddisfa torneranno. Per creare un centro benessere bisogna chiedersi innanzitutto che tipo di segmento affrontare e in seguito considerare la posizione geografica nella quale si vuole aprire. Per creare una Spa maschile, meglio orientarsi per il momento su una grande città o su una metropoli come Milano, ma se ti trovi una città di dimensioni medio-piccole, meglio optare per un centro che comprenda sia gli uomini che le donne”.

E in Italia com'è la situazione, secondo gli esperti transalpini? “Bisogna superare un pregiudizio: la maggioranza delle operatrici chiede espressamente di non compiere massaggi o trattamenti estetici sugli uomini, un atteggiamento quasi inesistente nel resto d'Europa; tuttavia, qui in Italia c'è una grande offerta di profumerie e Spa di hotel assolutamente meravigliose. Il mercato maschile è ancora ridotto, ma è molto promettente e crescerà esponenzialmente nei prossimi anni”, ha concluso Damar.

Di Gianluca Bolelli

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.