×
1 813
Fashion Jobs
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Showroom Manager Arredamento Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Sales Area Manager, Emerging Markets - Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
AZIENDA DI CALZATURE
Application Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
DIESEL
Europe Head of E-Commerce
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Concessions
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
District Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Area Manager Nord Italia
Tempo Indeterminato · ITALIA
FORPEN
Fisso
Tempo Indeterminato · SAONARA
THUN SPA
Analytics Junior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Analytics Senior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CONFIDENZIALE
Area Manager - Est Europa
Tempo Indeterminato · MILANO
SWAROVSKI
Allocator Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
DOPPELGANGER
Addetto Tesoreria
Tempo Indeterminato · ROMA
HUGO BOSS
Retail Operations Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
1 mag 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il PIL italiano crolla del 4,7%, ma meglio di Francia e Spagna

Di
Ansa
Pubblicato il
1 mag 2020

Il coronavirus si abbatte, come previsto, sui conti italiani ed europei: il Belpaese sconta così un calo del 4,7% del PIL (il massimo dal 1995, inizio delle serie storiche). Ma fa meglio di Francia (-5,8%) e Spagna (-5,2%) anche se va peggio della media europea (-3,8% nell'Eurozona). E fa meglio anche delle previsioni del Governo che nel Def aveva indicato una possibile contrazione del 5,5%.

Ansa


"La contrazione del PIL su base trimestrale”, si legge nel Def, “sarebbe pari al 5,5% nel primo trimestre e 10,5 per cento nel secondo". Anche la disoccupazione cala ma solo perché non si cerca più lavoro e i prezzi restano complessivamente fermi (non ci sono ad esempio le mascherine nella rilevazione) con un'impennata però per il carrello della spesa, dovuta più ad un aumento dei prezzi legato alle difficoltà di approvvigionamento delle merci.

Il Prodotto interno lordo dunque cala in Italia nei primi tre mesi dell'anno del 4,7% sul trimestre precedente scontando i primi effetti del Covid e del 4,8% sul primo trimestre 2019. L'acquisito sull'anno, cioè in assenza di variazioni, è del -4,9%. Ma, avverte l'Istat, fare le rilevazioni non è stato semplice e quindi, durante la revisione di questo primo dato provvisorio, il risultato potrebbe essere peggiore. Ciò che è già noto è che si tratta (per l'Italia e l'Europa) del peggior dato da inizio delle serie storiche, cioè dal 1995.

L'Italia si posiziona meglio comunque di Francia e Spagna anche se va peggio di quasi un punto rispetto alla media europea. A soffrire - spiega Istat - sono indistintamente tutti i settori produttivi ma il rischio è che vada peggio: il calo - dice il premier Giuseppe Conte - potrebbe superare il 10% se il virus persistesse mentre il commissario all'economia Paolo Gentiloni incita: "serve un Recovery plan che sia sufficientemente ampio, mirato alle economie e ai settori più colpiti e attivabile nei mesi che vengono. Se non ora quando?".

Insomma, chiosa il numero uno della Bce Christine Lagarde, l'Eurozona fronteggia "una contrazione economica di dimensioni e velocità senza precedenti in tempi di pace", con un PIL che quest'anno potrebbe cadere fra il 5% e il 12% a seconda delle misure di contenimento e della risposta delle autorità per mitigare lo shock economico.

Effetto Covid anche sul lavoro: il tasso di disoccupazione a marzo è sceso all'8,4% con un calo di 0,9 punti rispetto a febbraio. Si registra infatti una forte diminuzione delle persone in cerca di lavoro (-11,1% pari a -267.000 unità). Gli inattivi tra i 15 e i 64 anni a marzo crescono di 301.000 unità e il tasso di 0,8 punti al 35,7%. Il sostegno al reddito aiuta comunque l'occupazione: a marzo è diminuita di 27.000 unità rispetto a febbraio e di 121.000 unità rispetto a marzo 2019. Gli occupati nel complesso sono 23.234.000. Nello stesso periodo i disoccupati sono diminuiti a quota 2.132.000. Il tasso di occupazione cala al 58,8%. "Nonostante l'emergenza Covid 19”, spiega Istat, “l'occupazione ha registrato una sostanziale tenuta, anche per effetto dei decreti di sostegno all'occupazione".

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.