×
1 121
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
10 giu 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il nuovo capo di Inditex punta al 30% di vendite online entro il 2024

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
10 giu 2022

Óscar García Maceiras ha assunto la guida del gruppo Inditex alla fine dello scorso anno. Mercoledì 8 giugno, il dirigente ha effettuato la sua prima presentazione dei risultati da solista, dopo essere stato accompagnato dallo storico presidente del gruppo Pablo Isla durante le ultime conferenze stampa. Quest'ultimo è stato sostituito il 1° aprile dall'erede di Amancio Ortega, sua figlia Marta. Il gruppo spagnolo ha sede ad Arteixo (La Coruña) e mercoledì 8 giugno ha presentato i risultati del primo trimestre. In questa occasione il suo massimo dirigente si è rivolto agli economisti sottolineando il potenziale di crescita dell’azienda che guida, la quale si trova ancora in una “fase iniziale” di sviluppo del suo “modello integrato, digitale ed eco-responsabile”, la leva che Inditex intende utilizzare “per differenziarsi”.

Óscar García Maceiras, il CEO di Inditex - Inditex


“Le nostre vendite hanno registrato una forte crescita nel primo trimestre”, ha affermato questo ex avvocato. Le catene Stradivarius, Pull&Bear e Bershka si sono comportate in modo impressionante, così come il marchio di punta del gruppo, Zara, che ha registrato “vendite eccezionali e una notevolissima produttività”. Dal 1° febbraio al 30 aprile il fatturato dell'azienda è aumentato del 36%, a 6,742 miliardi di euro. Un risultato dovuto anche alla “buona accoglienza” riservata dai clienti alle collezioni Primavera-Estate e alla “forte crescita del traffico” di persone, frutto della “ottimizzazione dei punti vendita”.

1,1 miliardi di euro di investimenti nel 2022

“È soprattutto il desiderio delle persone di riprendere una vita normale che ha alimentato la nostra crescita”, ha riconosciuto l'amministratore delegato. Attualmente, il 90% dei negozi del gruppo iberico è operativo. Solo 67 punti vendita sono chiusi in Cina a causa del Covid-19. In Russia e Ucraina, invece, negozi online ed esercizi fisici sono stati chiusi dall'inizio della guerra.

Per compensare gli effetti del conflitto sulla sua attività, Inditex ha allocato dai conti del primo trimestre una somma pari a 216 milioni di euro per “coprire tutte le spese” stimate per questi due mercati per tutta la durata dell'esercizio. Se la società non avesse preso questa precauzione, il suo utile netto avrebbe raggiunto i 940 milioni di euro.

“L'evoluzione è stata notevole in tutte le regioni”, afferma il manager, senza fornire ulteriori dettagli, poiché Inditex non fornisce dati di vendita segmentati durante le sue presentazioni trimestrali. Gli Stati Uniti, che già alla fine dell'esercizio precedente erano il secondo mercato del gruppo spagnolo per fatturato, avrebbero registrato una “forte crescita”. L'azienda investirà 1,1 miliardi di euro nel 2022 per rafforzare la propria “differenziazione, la sua digitalizzazione ed il suo approccio eco-responsabile”. “Vogliamo offrire un'esperienza cliente unica”, insiste Óscar García Macieras.

L'interno della nuova boutique di Zara su Plaza de España, a Madrid - Inditex


Nei primi tre mesi dell'anno, 16 mercati del gruppo sono stati interessati da aperture di negozi. Alla fine del trimestre, Inditex contava in totale 6.423 punti vendita, 335 in meno rispetto al 30 aprile 2021. Tutti i marchi del gruppo stanno razionalizzando la propria rete fisica, ma ora che la catena Uterqüe non esiste più, è Massimo Dutti a vincere il premio per numero di esercizi liquidati: 117 chiusure, con 633 negozi rimasti. Zara mantiene la rete più sviluppata, con 1.947 punti vendita, inclusi i negozi Zara Home e Zara Kids. Il marchio Bershka arriva al secondo posto con 972 negozi, seguito da Stradivarius con 923 esercizi.

Prezzi stabili e costi dei resi

Escludendo gli effetti valutari, le vendite online hanno perso il 6% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, quando registrarono una crescita del 67%, grazie a una “elevata base di comparazione”. “Nel 2024 le vendite online dovrebbero rappresentare più del 30% del fatturato totale”, anticipa Óscar García Macieras. Nel 2019, prima della pandemia, questo canale generava solo il 14% delle vendite totali della società.

In merito a un possibile aumento dei prezzi, l'amministratore delegato mantiene un atteggiamento prudente. Durante la presentazione dei risultati annuali dello scorso marzo, ha annunciato un aumento selettivo di alcuni prezzi fino al 2% per compensare l'inflazione. Oggi García Macieras spiega che Inditex “manterrà una politica dei prezzi stabile, con alcune azioni mirate ai mercati più colpiti per preservare i margini”.

Il direttore dei Capital Markets del gruppo, Marcos López, ha da parte sua indicato che le nuove commissioni applicate ai resi degli ordini effettuati online da casa propria o presso un punto di ritiro, fissate a poco meno di 2 euro, “non hanno conseguenze negative” sulle vendite. Secondo lui, l'obiettivo di questo approccio, già sperimentato in 38 mercati, è quello di “migliorare l'efficienza dell'attività e promuovere la responsabilità ambientale”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.