×
1 828
Fashion Jobs
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
E-Commerce
Tempo Indeterminato · NOLA
JIMMY CHOO
Senior Costing And Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
31 mag 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il Messico rimprovera a Zara, Anthropologie e Patowl l'utilizzo di disegni indigeni

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
31 mag 2021

Il Messico ha chiesto spiegazioni ai marchi di abbigliamento Zara, Anthropologie e Patowl (spagnolo il primo, statunitensi gli altri due) per aver utilizzato elementi culturali delle popolazioni autoctone nelle loro collezioni, ha indicato venerdì scorso il Ministero della Cultura messicano.

AFP / Miguel Riopa


L’organismo istituzionale ha inviato lettere ai tre brand invitandoli a chiarire pubblicamente “su quali basi una proprietà collettiva” appartenente a vari popoli indigeni dello stato meridionale di Oaxaca “sia stata privatizzata”, e ad indicare come intendano “retribuire le comunità creative”.
 
“È un principio di considerazione etica che, a livello locale e globale”, ci obbliga a richiamare l'attenzione e a discutere della “tutela dei diritti dei popoli indigeni, che sono stati storicamente invisibili”, affermano le lettere datate 13 maggio e firmate dal Ministro messicano della Cultura, Alejandra Frausto.

Nel caso di Zara, di proprietà dell'azienda spagnola Inditex, il ministero mette in evidenza l'abito “Midi” dotato di una cintura che incorpora elementi della cultura mixteca, dal comune di Oaxaca a San Juan.
 
Quanto ad Anthropologie, il capo chiamato in causa sono i pantaloncini ricamati “Marka”, che contengono dettagli della cultura e dell'identità del popolo Mixe di Santa María Tlahuitoltepec.
 
Patowl ha invece realizzato varie magliette stampate della sua collezione “Tops”, realizzando “una copia fedele” degli abiti tradizionali del popolo zapoteco della comunità di San Antonino Castillo Velasco, ha affermato il ministero.
 
In queste lettere, Alejandra Frausto invita i marchi a non ledere o compromettere “l'identità e l'economia del popolo” e sostiene un “commercio equo” che tratti creatori, imprenditori e designer indigeni su un piano di parità.
 
In novembre, la ministra messicana aveva apostrofato la stilista francese Isabel Marant accusandola di sfruttare commercialmente diversi motivi tradizionali delle popolazioni indigene messicane nella sua ultima collezione dell'epoca.
 
Nel 2019, il ministero aveva smascherato per la stessa ragione Carolina Herrera, stilista venezuelana che vive negli Stati Uniti, per aver riprodotto in alcune sue creazioni i ricami colorati tipici della comunità di Tenango.
 
Anche le altre aziende spagnole Rapsodia (anch’essa di Inditex) e Mango sono state additate per essersi appropriate di disegni della tradizione del Messico, che con 56 etnie possiede un'importante ricchezza artigianale, anche nel tessile e nel ricamo.

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.