×
1 160
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
RANDSTAD ITALIA
Art Director - Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Trademark Attorney
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
E-Commerce Specialist - Settore Fashion &Amp; Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
ESSE-M STUDIO
Plant Quality Manager Settore Tessile
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
Logistic Manager
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
HR Organization Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
DEDAR
Trade Marketing Manager
Tempo Indeterminato · APPIANO GENTILE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Health & Safety Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
TAKE OFF
Buying Account Manager (Off-Price Fashion)
Tempo Indeterminato · GEZIRA
CONFIDENZIALE
Amministrazione
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Senior Creative Strategist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Product Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Ready to Wear Uomo Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Beauty Advisor Sud Italia
Tempo Indeterminato · CATANZARO
CONFIDENTIAL
Sap Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
THE THIN LINE LANZAROTE
Responsabile Marketing
Tempo Indeterminato · TÍAS
CONFIDENTIAL
Impiegato IT/Commerciale
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Manager Estero - Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB
sr Europe Retail Buyer - Female Denim & Apparel
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Pubblicato il
5 dic 2012
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il mercato USA va dal lusso puro al cross shopping

Pubblicato il
5 dic 2012

Negli Stati Uniti non esiste più il consumatore “puro” di lusso: chi può permettersi di spendere 1.000 dollari per un paio di stivali, infatti, vuole anche acquistare magliette a 20 dollari. Questa tendenza sta influenzando la domanda di beni di moda e di lusso negli States, dove ora la partita si gioca tutta sul cross shopping, dai jeans ai diamanti.

www.fashionsummit.it/it?set_language=it

Con l’obiettivo di conquistare sempre più quote di un mercato stimato in 11,4 milioni di famiglie (fascia definita 'Affluent', pari al 10% più ricco delle famiglie italiane) e in 1,4 milioni di famiglie, considerando la parte “ultra ricca”, pari all’1% delle famiglie (fonte: American Research Centre).

E’ quanto si evince da un’anticipazione delle analisi compiute sulle nuove frontiere dello shopping da "The Wall Street Journal", che saranno presentate da Claudio Piovesana martedì 4 dicembre a Firenze, in occasione del Milano Fashion Global Summit 2012.

Milano Fashion Global Summit è l’evento organizzato da Class Editori con "The Wall Street Journal", Camera Nazionale della Moda Italiana, Bank of America e Merrill Lynch, che riunisce i principali esponenti di moda, lusso e design del mondo per analizzare lo stato dell’arte e gli scenari di sviluppo dei settori, da oltre 10 anni. Tema di quest’anno, che sarà affrontato in ottica economica oltre che di costume: "La conferma degli USA, il ritorno del Giappone e la promessa del Brasile".

L’on-line oggi conta per il 3,3% del mercato del lusso globale e sta crescendo a un ritmo tre volte più rapido rispetto al totale del mercato del lusso personale (fonte: Altagamma – McKinsey Observatory). Dettaglianti tradizionali, negozi e mall on-line, ma anche i designer, devono oggi, per competere con successo, rispondere a questa domanda: qual è il vantaggio per il consumatore ad acquistare da me? E’ l’unico modo per intercettare clienti via internet, che si sono fatti scaltri e molto selettivi, e soprattutto sono sempre alla ricerca di uno sconto.

Per quanto riguarda invece la fascia di gamma più alta, occorre fornire a chi acquista un’esperienza Top, legata anche ad aspetti propri dell’arte e del design, qualcosa che sia unico. Il lusso cosi detto “esperienziale”, infatti, vale oggi per circa il 55% del totale della spesa di lusso in tutto il mondo ed è in rapida crescita: anno su anno l'aumento è del 50% più rapido delle spese totali di beni di lusso (fonte: BCG, “Luxe Redux: Raising the bar for Selling of Luxuries”, 2012).

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.