×
1 718
Fashion Jobs
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
is&t Finance Specialist
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
E-Commerce
Tempo Indeterminato · NOLA
JIMMY CHOO
Senior Costing And Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile di Produzione- Fashion Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
5 mag 2022
Tempo di lettura
6 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il mercato più hot del lusso: orologi contemporanei, non vintage

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
5 mag 2022

Pochi articoli di prestigio hanno generato una tale domanda negli ultimi anni come gli orologi di alta qualità, che siano nuovi o usati. Uno dei bastioni per eccellenza del lusso tradizionale.

Foto - Courtesy of Dreyfuss Mayet


Gli orologi di lusso sono ora visti come interessanti nicchie di investimento, a differenza dei gioielli, che perdono valore non appena lasciano il negozio. Attualmente, i ricchi possidenti detengono così tanti asset e azioni che sentono il bisogno di diversificare, e così investono nel campo degli orologi. Ma non è tutto: hedge fund svizzeri, gestori patrimoniali e banche private hanno a loro volta iniziato ad acquistare orologi, fenomeno inimmaginabile solo cinque anni fa.
 
Watchfinder.com resta il punto di riferimento per gli orologi di seconda mano, ma anche diverse aziende indipendenti sono riuscite a fare bene: gli specialisti europei di Dreyfuss Mayet si sono fatti conoscere con il passaparola, mentre la boutique European Watch Company di Boston è un'icona. Anche la rivista maschile The Rake, gestita dal suo loquace direttore Wei Koh, fa parte di quella serie di esperti che hanno saputo individuare le potenzialità di questo mercato vivace e oggi trainante.

Forse l'esempio più emblematico è quello di Dreyfuss Mayet, un e-tailer di nicchia che punta al lusso più esclusivo.
 
Con sede in Svizzera, il sito di Dreyfuss Mayet ha installato i propri uffici nella stazione sciistica di Verbier, il che lascia immaginare quale sia il suo pubblico-target. Fondata da Victor Dreyfuss e Camille Mayet, due dandy grandi amanti dell'orologeria, la boutique online è specializzata nell'acquisto e nella rivendita di orologi nuovi o quasi nuovi, posizionati nel segmento più prestigioso dell'orologeria contemporanea di lusso.
 
E le cifre di Dreyfuss Mayet dimostrano il potenziale di questo mercato emergente, ma già in fermento: dal suo lancio, Dreyfuss Mayet SA ha venduto più di 1.500 orologi in tutto il mondo, tramite il sito Chrono 24 o “di persona” a clienti molto speciali.
 
La maggior parte delle entrate dell'azienda è generata dal consueto trio di testa degli orologi di lusso: Audemars Piguet, Rolex e Patek Philippe. I due partner hanno recentemente venduto un Audemars Piguet Royal Oak Perpetual Calendar Skelet Ceramic 26585CE per 700.000 dollari, la loro migliore vendita fino ad oggi.
 
I due soci si sono conosciuti 12 anni fa, quando Victor Dreyfuss studiava alla European Business School di Parigi, mentre Camille Mayet stava gettando le basi per il suo primo progetto, Autodidact, dedicato alla vendita di auto di lusso. Quindi i due si sono associati per rappresentare marchi all'avanguardia come Porsche, Ferrari, Bentley e Audi, prima di rendersi conto che gli orologi di lusso a volte vendevano più delle auto. Coincidenza: entrambi sono appassionatissimi di orologi.

Foto - Courtesy of Dreyfuss Mayet


“L'auto più costosa che ho venduto è stata una Lamborghini Aventador, per 500.000 dollari. Cifra inferiore al prezzo dei nostri orologi più belli”, sottolinea Camille Mayet.
 
I due collezionisti hanno iniziato comprando e vendendo agli amici, privatamente, poi hanno fondato la loro azienda di automobili e orologi prima di concentrarsi unicamente sui segnatempo.
 
“Onestamente, gli orologi sono più facili da conservare, più costosi e più trendy”, riassume Victor Dreyfuss.
 
Ma dopo essere riusciti a costruire una vera e propria rete di clienti, Dreyfuss e Mayet si sono trovati di fronte a un grosso problema: l’approvvigionamento di orologi di lusso. Hanno risolto il problema con tre profili di partner: collezionisti privati ​​​​e molto riservati, altri rivenditori di orologi e celebrità.
 
“A volte ci rivolgiamo alle star. I marchi vendono loro i prodotti e loro li rivendono a noi. Cantanti, atleti, attrici, star della TV, abbiamo profili diversificati”, rivela Victor Dreyfuss.
 
In tutto il mondo, la domanda è tale che Albert e Joshua Gangel, del negozio European Watch Company di Boston, a volte ricevono per orologi da un milione di dollari versamenti di denaro da persone che vivono dall'altra parte del mondo che non hanno mai incontrato.
 
“Quando ho iniziato ventinove anni fa, il mercato non aveva nulla a che fare con quello odierno. La domanda è esplosa e gli orologi ora si vendono come merci. Per noi, una vendita media è di 40.000 dollari oggi, contro i soli 300 dollari dei miei inizi”, ricorda Albert, il padre, intervistato in una videoconferenza transatlantica.

Foto - Courtesy of Dreyfuss Mayet


I Gangel non rappresentano ufficialmente nessun marchio, eppure tutti sembrano disposti a vender loro qualcosa. Tutti i loro prodotti sono d’occasione, ma mai indossati. Vendono diverse centinaia di orologi di lusso al mese.
 
A volte comprano lotti di 10 orologi per un milione. Il prezzo degli orologi è noto a livello internazionale e stabile, tranne forse a Mosca.
 
“Tutti allineano i loro prezzi a Chrono 24, un'azienda tedesca. Non ci si può allontanare troppo da quelli”, dice Joshua, il figlio.
 
Padre e figlio vendono attualmente circa 3.000 orologi all'anno, a un prezzo medio di 25.000 dollari, per un malloppo annuo di 75 milioni di dollari. I Gangel hanno venduto alcuni orologi più di dieci volte.
 
“Data la ricchezza generata negli ultimi dieci anni, c'è così tanto denaro in circolazione che la domanda di beni di lusso sta esplodendo. Per gli uomini, ciò si limita ad automobili, orologi, whisky, vini e sigari. Negli Stati Uniti, il mercato sta appena iniziando a risvegliarsi. Un buon orologio rimane molto abbordabile e conveniente e molto facile da rivendere. L'ideale, insomma”, ride Albert.
 
Anche a Ginevra, pochi collezionisti di orologi possono eguagliare Wei Koh, la cui rivista maschile The Rake ha persino firmato edizioni limitate di orologi con marchi come Chopard.
 
“L'interesse per gli orologi è esploso. Prima consideravo gli Stati Uniti il ​​mercato emergente più promettente per gli orologi, ma ora il mondo intero è interessato dal fenomeno. Tutti gli atleti, gli attori e gli influencer vogliono indossare un bell’orologio al polso. Ed è una risorsa interessante quando sai bene come acquistarlo. Quando sei invitato a una festa, è difficile farci entrare la tua auto, il tuo cavallo o la tua casa. Ma puoi indossarvi un orologio. È un oggetto di rappresentazione culturale”, si entusiasma Wei Koh.

Albert e Joshua Gangel della European Watch Company di Boston


Questa nuova popolarità non ha solo vantaggi e non è sfuggita alle attenzioni dei ladri di orologi, che prendono sempre più di mira i loro ricchi proprietari, come possono testimoniare i gendarmi di St Tropez o la polizia di Miami.
 
“Le capitali europee sono sempre più pericolose per i possessori di orologi. E a Los Angeles c'è persino un uomo a cui hanno sparato per il suo Richard Mille. La metà di quelli che sono andati a St Trop' l'estate scorsa con un Richard Mille se ne sono andati senza. Sono molto originali e valgono circa 250.000 dollari ciascuno, quindi sono obiettivi primari”, sottolinea Wei Koh.
 
Questo boom dei prezzi degli orologi ha anche dato origine ad alcune voci, secondo cui giganti del lusso come LVMH e Kering, alcuni hedge fund o alcuni potentati del Golfo sono interessati a rilevare alcuni produttori di orologi di lusso, per il momento rimasti di proprietà delle famiglie fondatrici, come Patek Philippe, Richard Mille o Audemars Piguet, il cui CEO se ne andrà presto.
 
“Vogliono vendere davvero? Pensate piuttosto a questo: produciamo circa 2,5 milioni di orologi di lusso all'anno. Ma se si guarda alle case automobilistiche di lusso, queste non ne producono di più, e ci sono molte più marche di automobili. Quindi sarei sorpreso se questi produttori di orologi volessero vendere le loro galline dalle uova d'oro, che non potrebbero mai rimpiazzare”, analizza Wei Koh.
 
Negli ultimi dieci anni, grandi case come Audemars Piguet, Rolex, Patek Philippe, Vacheron Constantin e Richard Mille hanno avuto lunghe liste d'attesa. 
 
“Assomiglia più a una lista dei desideri che a una lista d'attesa: si può benissimo aspettare per anni e non avere in mano ancora niente!”, avverte Camille Mayet.
 
C’è una tale rotazione nel mercato degli orologi di lusso che lo stesso modello di Rolex è stato venduto nove volte in un anno su Watchfinder. Questo non è l'approccio di Dreyfuss Mayet, che seleziona tutti i suoi orologi “al di fuori del mercato” e li vende a persone che li vogliono tenere.
 
“Francamente, se una casa come Audemars Piguet si rende conto che hai immediatamente rivenduto il tuo nuovo orologio, è ben capace di metterti nella sua lista nera, anzi è molto probabile che lo faccia”, avverte Victor Dreyfuss.
 
Le autovetture di prestigio hanno bisogno di autisti qualificati per essere consegnate, ma la maggior parte dei rivenditori di orologi di lusso si accontenta di utilizzare Ferrari Group Expedition (azienda che non ha alcuna correlazione con quella di auto da corsa). L'anno scorso, Dreyfuss Mayet ha venduto circa 350 orologi per 8 milioni di dollari, ma spera di aumentare quella cifra del 50% quest'anno.
 
“Il mercato ha perso la testa. Se acquisti un orologio, trascorri sei mesi in Thailandia sulla spiaggia e conservalo in una cassaforte. Quando torni, vendi il tuo orologio e ti avrà ripagato le vacanze”, scoppia a ridere Camille Mayet.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.