×
1 559
Fashion Jobs
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
Pubblicato il
16 mag 2013
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il mercato mondiale del lusso a +4-5% nel 2013

Pubblicato il
16 mag 2013

Il mercato mondiale dei beni del lusso dovrebbe crescere del 4-5% a tassi di cambi costanti nel 2013 rimanendo in linea con il 2012, nonostante la debolezza di molte economie e una leggera flessione della crescita nel primo trimestre, secondo lo studio realizzato dall’Osservatorio Altagamma con la società di consulenza Bain & Company presentato mercoledì 16 maggio a Milano.

“Si conferma un secondo semestre 2013 più importante. Tutti i settori sono previsti in crescita, ma con tassi inferiori a quelli stimati lo scorso ottobre, all’eccezione dalla profumeria e cosmetica che, con i suoi prezzi più accessibili, dovrebbe progredire più del previsto a +5% contro +4%”, sottolinea li vice presidente di Altagamma Armando Branchini. La pelletteria con borse e calzatura dovrebbe crescere del 7% rispetto al 10% stimato sei mesi fa, il settore dei gioielli del 7% (contro +8%), e l’abbigliamento del 5% rispetto a un +6% stimato lo scorso ottobre.


Bottega Veneta, del gruppo di lusso francese Kering

“La straordinaria sorpresa proviene dal Nord America, che dovrebbe crescere del 7% nel 2013, con un’importante ripresa e ritorno della fiducia dei consumatori grazie ad interventi di tipo monetario ma anche strutturali e industriali. Si può di nuovo produrre negli Stati Uniti rimanendo competitivi. Questo è un cambiamento notevole. L’altra grande sorpresa proviene dal mercato giapponese con una crescita stimata al 5% per quest’anno grazie alla forte svalutazione dello yen del 16%”, indica Armando Branchini.

L’Europa invece fa molta fatica proprio per la svalutazione di tutte le valute rispetto all’euro, tanto più che le grandi griffe hanno aumentato i loro prezzi su questo mercato per colmare il loro gap con la Cina. Nonostante l’aumento dei clienti cinesi, calano quindi i consumi dei turisti nel Vecchio Continente con la riduzione dei clienti giapponesi e la stabilità dei russi, mentre i consumi locali restano stagnanti.

Le vendite di lusso in America Latina dovrebbero progredire del 11% pur rimanendo un mercato molto piccolo con dazi doganali elevatissimi. Il mercato asiatico invece dovrebbe registrare una crescita del 10% nel 2013 rispetto al +17% stimato sei mesi fa. Il mercato coreano, che ha avuto fin qui una grande influenza sul consumatore cinese in termini di cultura e di gusti sta calando per via di tensioni socio-politiche. In compenso il sud est asiatico si sta trasformando in un polmone ad alto potenziale per i beni di lusso (Singapore, Malesia, Indonesia). Di fatto le grandi griffe stanno riacquistando il controllo della loro distribuzione in quest’area.

Nonostante il mercato del lusso abbia registrato un rallentamento in Cina, questo Paese rimane una piattaforma essenziale. Il “gifting”, i costosi regali di rappresentanza che rappresentavano il 30% del business del lusso in Cina, è in calo per via della campagna anti-corruzione del governo. “Ma si sta sviluppando un consumo medio locale più forte e più solido della midde class, che è in forte crescita. Questa crescita ancorata a bisogni reali di consumo risulta essere di maggiore qualità rispetto alla bolla esplosa in questi ultimi anni. Sono quindi molto positiva sulla Cina”, analizza Claudia D’Arpizio, autrice dello studio e partner di Bain&Company.

Altra destinazione fondamentale del lusso, il Medio Oriente e in particolare Dubai che si situa tra le 10 principali mete del lusso nel mondo. Da tenere d’occhio, inoltre, certi Paesi africani quali Sud Africa, Marocco, Nigeria, Congo e Angola, la cui capitale, Luanda, dovrebbe accogliere a breve numerose boutique di grandi griffe.

“In generale si sta assistendo ad una polarizzazione tra consumi di fascia altissima e quelli del lusso accessibile. Altro aspetto interessante l’arrivo di generazioni di clienti sempre più giovani che hanno meno di 20 anni o tra 20 e 35. Sono i cosiddetti “Henry” ("High earners not rich yet", ndr.), consumatori con alti guadagni ma non ancora ricchi, che stanno prendendo il sopravvento numerico sui clienti ultra ricchi”, conclude Claudia d’Arpizio.

Secondo un consensus stabilito da Altagamma, l’Ebitda del settore del lusso dovrebbe crescere del 9% nel 2013. Infine per il 2012 si conferma la crescita a doppia cifra del mercato del lusso. Con un aumento del 10% (+5% a tassi di cambi costanti) dovrebbe raggiungere i 212 miliardi di euro superando per la prima volta la soglia record dei 200 miliardi.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Tags :
Altro
Business