×
1 561
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Learning Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SOBA SRL LABELON EXPERIENCE BEACH CLUB
Responsabile Amministrativo Contabile
Tempo Indeterminato · BACOLI
OTB SPA
Corporate Tax Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Financial Reporting Coordinator
Tempo Indeterminato ·
BALDININI SRL
Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
THUN SPA
Area Manager Wholesales Province di fr, te, lt, aq, ri
Tempo Indeterminato · FROSINONE
MANTERO SETA
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Pubblicità

Il mercato del lusso in crescita nel 2012

Pubblicato il
today 7 mag 2012
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Niente sembra arrestare la progressione delle vendite di prodotti di lusso nel mondo, che continua quest’anno con un tasso di crescita intorno al 6-7% a tassi di cambi costanti dopo la crescita del 10% registrata nel 2011. Secondo l’aggiornamento primaverile dell’Osservatorio Altagamma, che ha commissionato una ricerca presso la società di consulenza Bain & Company, il mercato mondiale del lusso dovrebbe passare da 191 miliardi di euro nel 2011 a più di 200 miliardi nel 2012, nonostante l’instabilità socio-economica.

“Tranne che in Italia, Spagna e Giappone, tutti gli altri mercati registrano crescite significative. L’Italia è particolarmente fragile, ma nelle città turistiche quali Roma, Firenze, Venezia e Milano può contare su un flusso importante di clienti esteri”, sostiene Armando Branchini, Segretario Generale di Fondazione Altagamma.

Con una crescita prevista del 18-22% nel 2012, la Cina è anche il motore di questa continua progressione dei consumi di beni di lusso nel mondo. “Anche se si vede già un rallentamento nelle principali città cinesi per via dei prezzi del real estate in forte aumento e del grande turnover del personale, questo mercato continuerà ad offrire un enorme tasso di crescita nei prossimi anni. I cinesi rappresentano il 20% dei consumi mondiali del lusso nel mondo e la totalità dell’Asia più del 50%”, sottolinea Claudia D’Arpizio, partner di Bain&Company, che considera inoltre l’India, con una crescita di 15-20% attesa per quest’anno, come “la più grande opportunità di sbocco per le griffe del lusso nei prossimi 10 anni”.

Per Claudia D’Arpizio, il Sud Est asiatico con i suoi 600 milioni di abitanti è una delle tre regioni con più forte potenzialità nel futuro prossimo, con Singapore come trampolino per accelerare la penetrazione dei brand verso nuovi mercati quali l’Indonesia e il Vietnam. La Turchia potrebbe giocare questo stesso ruolo di hub per l’Eurasia centrale, permettendo ai marchi di svilupparsi in quest’altra regione dal forte potenziale rimasta chiusa a lungo ai prodotti occidentali, mentre l’Africa è la terza zona la più interessante. “In particolare l’Africa del Sud con i suoi 71 000 milionari come in Russia”, nota Claudia D’Arpizio.

Il rapporto sottolinea poi la forte ripresa del segmento del lusso assoluto, “che ha performato meglio del mercato”. “Questo segmento, che era diventato una nicchia nei mercati maturi spingendo vari marchi ad allargare la loro offerta con fasce di prodotti meno care, sta ora crescendo di nuovo grazie ai mercati emergenti dove ci sono moltissimi milionari che spendono molto più di prima”, conclude Claudia D’Arpizio. Secondo il consensus 2012 di Altagamma, l’ebitda del settore del lusso dovrebbe crescere del 10% quest’anno.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Tags :
Altro
Business