×
1 335
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
ELISABETTA FRANCHI
Digital Marketing Manager
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Area Manager - Centro Italia
Tempo Indeterminato · ROMA
Pubblicato il
16 nov 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il menswear italiano cambia passo nel 2021

Pubblicato il
16 nov 2021

Dopo un 2020 alle prese con il covid, il menswear italiano cambia passo quest'anno, con il commercio con l’estero che torna positivo. A dirlo è una nota per Smi del Centro Studi di Confindustria Moda, dove l’export del comparto nel periodo gennaio-luglio risulta in crescita del 16,4%, per un totale di oltre 3,8 miliardi di euro. In salita anche l’import del +1,7%.   

Pitti People 100


Le vendite crescono sia nell’area Ue (+25,4%) che in quella extra-Ue (+9,9%), che diventa il maggior “acquirente” passando al 54,9% dell’export totale di settore. La Svizzera (+16,6%) si conferma primo mercato di sbocco, seguita da Germania (+24,8%) e Francia (+29,7%). Meno vivaci gli Usa, sebbene la variazione positiva (+5,6%). Balza al quinto posto la Cina in aumento dell’81,3% mentre la Corea del Sud archivia un +37,1%.
 
Spagna, Olanda, Russia, Belgio, Polonia e Austria chiudono i primi sette mesi del 2021 con una crescita compresa tra il +73,9% e il +10,7%. Resta in territorio negativo il Regno Unito con una flessione non marginale pari al -27,7%. Contrazioni anche per Giappone, che cede il -4,5%, e Hong Kong, in calo del -2,1%.   

Svizzera, Germania, Francia e Corea del Sud superano ampiamente i livelli pre-covid. Restano indietro, invece, Stati Uniti, Uk, Spagna e Giappone. Se la Cina-Hong Kong vede un export superiore di 60,5 milioni rispetto a quello del gennaio-luglio 2019, Hong Kong presenta livelli inferiori di oltre 80 milioni.       
 
“Personalmente credo che questi risultati siano frutto del lavoro di giugno: c’era uno spirito di corpo, di confronto, utile e positivo. Temo comunque che dovremo ancora tenere duro nel 2022 per via di focolai che faranno vivere forse un po’ in up and down. In gennaio al Pitti mi aspetto numeri importanti: oltre ai grandi nomi percepiamo un bisogno da parte dei buyer e degli espositori di rivedersi e confrontarsi. Pitti svolge un ruolo fondamentale di coesione”, commenta il presidente di Pitti Immagine, Claudio Marenzi.
 
Relativamente alle importazioni, da gennaio a luglio la moda maschile registra flessioni da Bangladesh (-6,3%), Cina (-20,9%) – compensati tuttavia da un aumento di Paesi Bassi (+24,8%) - nonché dalla Romania (-5,6%). Di contro, cresce l’import proveniente dalla Francia (+34,8%) e dalla Spagna (+23,9%), oltre che da Tunisia e Turchia. 

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.