×
768
Fashion Jobs
CAMICISSIMA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Impiegato/a Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · MERATE
DELL'OGLIO
Resident Seller
Tempo Indeterminato · PALERMO
BRAMA SRL
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
JD SPORTS FASHION PLC
HR & Payroll Advisor - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
OFF-WHITE C/O VIRGIL ABLOH
Franchising Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Network & Security Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
CONFIDENZIALE
Sistemista IT
Tempo Indeterminato · LUGANO
NEIL BARRETT
IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM
Digital Media Manager
Tempo Indeterminato · GALLARATE
FOURCORNERS
Product Marketing Manager - Fragranze
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Logistic And Customer Service Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Developer
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Commerciale Senior
Tempo Indeterminato · CREMONA
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Digital Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
SLOWEAR SPA
Retention Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Omnichannel Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
19 dic 2019
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il marchio Sonia Rykiel comprato da due dei cofondatori di Showroomprivé

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
19 dic 2019

Ultima puntata per la avventura giudiziaria di Sonia Rykiel che dura da questa primavera. Alla fine del 2019, e dopo la liquidazione della società fondata nel 1968 dall'omonima stilista causa mancanza di un acquirente per la sua struttura, ecco che i diritti del marchio, ultimo residuato della storia di questa importante etichetta dell’universo della moda, hanno trovato degli acquirenti: Eric e Michael Dayan.

Sonia Rykiel, Primavera-Estate 2019, ultima collezione prima della liquidazione avvenuta in luglio - Sonia Rykiel


I due uomini hanno fondato coi loro fratelli David Dayan e Thierry Petit il sito Showroomprivé nel 2006. Dopo esserne stati soci, due anni fa hanno abbandonato qualsiasi funzione operativa in azienda, pur rimanendo azionisti del sito con una percentuale significativa. In seguito hanno supportato diversi marchi di moda nella loro strategia, naturalmente in una prospettiva soprattutto digitale.
 
Una ventina di offerte sono state presentate al giudice, che alla fine ha scelto quella dei due fratelli.

“Questa acquisizione è una continuazione del loro percorso imprenditoriale”, hanno dichiarato il 18 dicembre, il giorno dopo la decisione del tribunale che attribuiva loro gli asset di Sonia Rykiel, vale a dire il marchio e gli archivi.
 
Il loro progetto consta nel rilanciare la casa di moda già da quest’anno, in Francia e all’estero, ma per il momento non hanno ancora rivelato i contorni dei loro piani.
 
I due nuovi proprietari del marchio si rallegrano nondimeno che “la maison e il patrimonio di Sonia Rykiel restino francesi”, o meglio che lo ridiventino, perché il gruppo First Heritage Brands (il precedente proprietario, che aveva gettato la spugna all’inizio del 2019), era posseduto per la maggior parte dal gigante di Hong Kong Li & Fung e dal fondo di Singapore Temasek, al fianco di Jean-Marc Loubier.
 
Prima dell’avventura di ShowroomPrivé, Eric Dayan aveva svolto funzioni esecutive per lo specialista del destockingFrance Export. Per il sito fondato successivamente, Eric Dayan era il responsabile dell’attività BtoB. Michael Dayan si occupava invece delle questioni commerciali e legali. Per la sfida di Sonia Rykiel che ora li attende i due fratelli hanno espresso un desiderio: che “la loro solidità finanziaria e la loro competenza in questo settore” siano “due risorse che consentiranno loro di sviluppare e dare una nuova ripresa al marchio”.
 
Negli ultimi anni, la griffe di prêt-à-porter e accessori di lusso ha vissuto un graduale declino, fino a quando il suo fatturato è sceso a 35 milioni di euro nel 2018, per quasi altrettante perdite. A seguito del fallimento dichiarato e dopo una ricerca di acquirenti rivelatasi infruttuosa, i 131 dipendenti della maison e la rete di sei negozi in proprio erano stati liquidati quest'estate.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.