Il marchio californiano Reformation cede la maggioranza al fondo Permira

Fondato 10 anni fa, il marchio di abbigliamento femminile Reformation, famoso per il suo impegno in favore dell'ambiente, ha venduto una sua quota di maggioranza alla società internazionale di private equity Permira.

Instagram @reformation

Secondo un comunicato stampa, Permira aiuterà Reformation realizzare i suoi piani di crescita, ad accelerare la sua strategia nell’e-commerce e a rafforzare la sua distribuzione negli Stati Uniti e all'estero, lanciando nel contempo nuove categorie di prodotti e mantenendo il proprio impegno eco-responsabile. In passato, Permira ha già supportato una vasta gamma di marchi, rivenditori online e catene di vendita al dettaglio, da Hugo Boss a Valentino, passando per Dr. Martens, Minted, The Knot Worldwide e Allegro.
 
“Avvalendosi di un posizionamento unico, all'incrocio tra moda e sviluppo sostenibile, Reformation si rivolge in maniera autentica al consumatore odierno”, sostiene David Brisske, direttore di Permira. “Yael Aflalo ha fatto un lavoro incredibile per costruire un marchio sostenibile dotato di un messaggio chiaro, bei prodotti e un pubblico fedele. È raro che un'azienda possieda allo stesso tempo una formidabile immagine di marca e delle capacità omnicanale di prim’ordine; Reformation le ha entrambe”.
 
Secondo i termini dell’accordo, Yael Aflalo, fondatrice e CEO di Reformation, continuerà a svolgere le sue funzioni direttive del marchio, e Hali Borenstein resterà presidente della società.
 
“Quando abbiamo incontrato il team di Permira, ci siamo resi conto che condivideva il nostro impegno per lo sviluppo sostenibile, e che comprendeva come navigare in questo mercato complesso e in evoluzione”, si è rallegrata Yael Aflalo. "L'esperienza globale di Permira nei campi dei consumi e della vendita al dettaglio è inestimabile, specialmente perché entriamo in una nuova fase della nostra strategia di crescita”.
 
Infatti, la vendita avviene nel momento esatto in cui il marchio con sede a Los Angeles lancia la propria espansione internazionale, inaugurando il suo primo negozio estero in Canada, prima dell'apertura di un secondo punto di vendita fuori dagli States, a Londra questo autunno. 
 
Il brand (che produce anche linee in denim, per il matrimonio e di calzature, sempre rivolte al pubblico femminile) ha anche scelto di investire per sviluppare il canale distributivo dell’e-commerce. Nell’ambito di una partnership con Global-e, la piattaforma e-commerce di Reformation ora supporterà più di 95 valute e più di 50 metodi di pagamento alternativi, fornirà il calcolo delle imposte e dei diritti garantiti, e, ciliegina sulla torta, gli ordini saranno spediti più velocemente e in modo gratuito.
 
Per preparare l'operazione, dalla parte di Reformation, Goldman Sachs & Co. LLC ha fornito consulenza finanziaria, e Latham & Watkins LLP consulenza giuridica. Dal lato di Permira, Morgan Stanley & Co. LLC ha fornito la consulenza finanziaria, e Skadden, Arps, Slate, Meagher & Flom LLP consulenza legale. La transazione, soggetta alle consuete condizioni di chiusura, dovrebbe essere finalizzata nel terzo trimestre del 2019. L'investitore di lungo periodo Stripes Group rimarrà tra i partner di Reformation.
 
Reformation gestisce attualmente 14 negozi negli Stati Uniti, ai quali ne seguiranno altri nel 2019, in location come Austin, in Texas, Chicago, nell’Illinois, e un altro store nell'Upper East Side a New York.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Moda - ScarpeDenimMatrimonioBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER