×
1 335
Fashion Jobs
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
APCOM
Pubblicato il
29 set 2008
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il made in Italy resisterà alla crisi finanziaria mondiale

Di
APCOM
Pubblicato il
29 set 2008

Il made in Italy resisterà alla crisi finanziaria mondiale, che ha colpito anche il mercato del lusso: ne è sicuro Robert Polet, amministratore delegato del gruppo Gucci, intervistato da Repubblica.



Polet ammette che le cose, nell'ultimo anno, sono cambiate: la gente è più prudente, anche nella fascia alta del mercato. "Se prima un big spender voleva comprarsi quattro borse, ora magari ne acquista solo tre, senza però cambiare marca. E' un dato di fatto - dice - che le marche forti sono sempre sopravvissute alle difficoltà economiche e finanziarie dei mercati".

Nessun rischio che le produzioni vengano spostate dall'Italia a causa del rischio cambio: "Per i tre marchi Gucci, Bottega Veneta e Sergio Rossi avere una personalità italiana rappresenta la motivazione principale che porta all'acquisto" spiega Polet. "L'Italia è nel dna dei marchi: esprime sensualità, potere, grande qualità, artigianalità, quindi non lasceremo mai l'Italia, anche se il problema del tasso di cambio effettivamente esiste".

L'espansione del gruppo va verso l'area Asia-Pacifico che, dice Polet, sarà quella più interessante in termini di opportunità negli anni a venire. "Nel 2004 abbiamo detto che volevamo raddoppiare le vendite di Gucci in 7 anni: una crescita dei profitti a un tasso superiore a quello dei ricavi e portare alla redditività tutti i marchi. All'appello manca solo Yves Saint Laurent, ma ci siamo vicini" dice.

Fonte: APCOM