×
1 465
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Global CRM Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
BENEPIU' SRL
Produzione -Qualita'
Tempo Indeterminato · CARPI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Di
APCOM
Pubblicato il
29 set 2008
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il made in Italy resisterà alla crisi finanziaria mondiale

Di
APCOM
Pubblicato il
29 set 2008

Il made in Italy resisterà alla crisi finanziaria mondiale, che ha colpito anche il mercato del lusso: ne è sicuro Robert Polet, amministratore delegato del gruppo Gucci, intervistato da Repubblica.



Polet ammette che le cose, nell'ultimo anno, sono cambiate: la gente è più prudente, anche nella fascia alta del mercato. "Se prima un big spender voleva comprarsi quattro borse, ora magari ne acquista solo tre, senza però cambiare marca. E' un dato di fatto - dice - che le marche forti sono sempre sopravvissute alle difficoltà economiche e finanziarie dei mercati".

Nessun rischio che le produzioni vengano spostate dall'Italia a causa del rischio cambio: "Per i tre marchi Gucci, Bottega Veneta e Sergio Rossi avere una personalità italiana rappresenta la motivazione principale che porta all'acquisto" spiega Polet. "L'Italia è nel dna dei marchi: esprime sensualità, potere, grande qualità, artigianalità, quindi non lasceremo mai l'Italia, anche se il problema del tasso di cambio effettivamente esiste".

L'espansione del gruppo va verso l'area Asia-Pacifico che, dice Polet, sarà quella più interessante in termini di opportunità negli anni a venire. "Nel 2004 abbiamo detto che volevamo raddoppiare le vendite di Gucci in 7 anni: una crescita dei profitti a un tasso superiore a quello dei ricavi e portare alla redditività tutti i marchi. All'appello manca solo Yves Saint Laurent, ma ci siamo vicini" dice.

Fonte: APCOM