×
1 318
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENCIAL
Cost Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Commerciale/Export
Tempo Indeterminato · ROMA
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Reuters
Pubblicato il
19 gen 2014
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il lusso perde slancio in Cina, i super-ricchi emigrano

Di
Reuters
Pubblicato il
19 gen 2014

I milionari cinesi sicuramente ridurranno ancora i loro acquisti di prodotti di lusso quest'anno, confermando una tendenza in atto che sta complicando la situazione per marchi come Louis Vuitton, che avevano fatto della Cina una delle loro priorità.

Louis Vuitton, primavera-estate 2014


Le spese globali dei cinesi più fortunati sono diminuite del 15% nel 2013, loro terzo anno consecutivo di calo, secondo uno studio di Hurun Report. Anche gli acquisti di regali sono diminuiti di un quarto.

Questo calo si spiega, fra le altre ragioni, per la campagna lanciata dalle autorità contro la corruzione e i regali appariscenti e ostentatori, ma anche per il gusto sempre più marcato dei cinesi per il turismo (e lo shopping) all'estero, che permette loro di bypassare le tasse interne sui prodotti di lusso, che possono raggiungere il 40%.

Sulla popolazione dei milionari cinesi, il 64% sono emigrati o prevedono di farlo, contro il 60% del 2012, conseguenza soprattutto del fatto che un terzo dei maggiori patrimoni della Cina ha già lasciato il Paese, precisa l'Hurun Report.

La maggior parte di questi ricchi cinesi sono emigrati o pensano di emigrare allo scopo di offrire ai loro bambini migliori opportunità in termini di educazione, spiega lo studio condotto da Hurun Report, un magazine specializzato conosciuto per la sua classifica delle maggiori ricchezze della Cina.

"Per quanto riguarda il lusso tradizionale (pelletteria, accessori, orologi) quest'anno sarà stabile, o al massimo in leggero calo", ha dichiarato all'agenzia Reuters il fondatore della rivista, Rupert Hoogewerf. "Per prodotti di lusso come il tè, la salute e anche l'educazione, prevediamo ancora un boom di mercato".

La campagna lanciata nel 2012 da Pechino contro le spese ostentate s'iscrive più ampiamente nella lotta anti-corruzione di cui il presidente Xi Jinping ha fatto una delle sue priorità.

L'iniziativa mira in particolare ai regali offerti ai funzionari in cambio di un trattamento di favore o dell'aggiudicazione di appalti pubblici.

Ormai, spiega Rupert Hoogewerf, molti ricchi cinesi comprano dei prodotti di lusso per se stessi, ma ne comprano di più per offrirli.

Marchi come Hermès, Louis Vuitton, Apple e Gucci (gruppo Kering) restano tra i più ricercati per l'acquisto di regali, precisa lo studio di Hurun Report.

Ma Bulgari (un altro marchio di LVMH), Salvatore Ferragamo, Tiffany e il brand di baijiu (un'acquavite molto popolare come dono ai dirigenti del partito comunista) Kweichow Moutai hanno perso popolarità.

Per i marchi di lusso, questo cambiamento nei comportamenti si aggiunge all'impatto del rallentamento della crescita cinese e alla crescita degli acquisti su Internet, che permette ai clienti di cercare il prezzo migliore.

Nel 2013, più dei due terzi delle spese nel settore del lusso effettuate dai cittadini della Cina Continentale sono stati realizzati fuori dal Paese, un fattore che ha permesso agli Stati Uniti di togliere alla Cina il titolo di mercato del lusso più dinamico del mondo, secondo uno studio di Bain & Co pubblicato il mese scorso.

Sebbene intendano stabilirsi prioritariamente negli Stati Uniti, in Europa o in Canada, sono molto pochi i cinesi che vogliono abbandonare la nazionalità cinese. Forse perché continuano ad essere fiduciosi in una prossima evoluzione del loro Paese: fra i milionari, mostra il sondaggio, la fiducia nell'economia del Paese è aumentata nel 2013 per la prima volta in cinque anni.

Il sondaggio è stato condotto fra 393 milionari cinesi che dispongono di un patrimonio di almeno 10 milioni di yuan (1,21 milioni di euro) e 41 "super-ricchi", che dispongono di un patrimonio di oltre 100 milioni di yuan.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

© Thomson Reuters 2022 All rights reserved.

Tags :
Altro
People