×
1 398
Fashion Jobs
THUN SPA
Area Manager Wholesales Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
BABY DREAM SRL
Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ROSSIMODA S.P.A.
Tecnico Industrializzatore Strutture
Tempo Indeterminato · VIGONZA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
IT Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Responsabile Magazzino
Tempo Indeterminato · NAPOLI
PRAXI
Senior HR Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PRONOVIAS GROUP
Junior IT Assistant
Tempo Indeterminato · CUNEO
EXPERIS S.R.L.
Responsabile Commerciale
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SASHA 2017 SRL
Gerente - Persona by Marina Rinaldi
Tempo Indeterminato · MILANO
HANG LOOSE SRL
Direttore Commerciale
Tempo Indeterminato · CASALE MONFERRATO
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
Pubblicità

Il lusso francese investe in Medio Oriente, nuova terra di conquista

Di
AFP
Pubblicato il
today 27 ott 2010
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-


Il "Dubai Mall" - Tempio del lusso
PARIGI, 27 ott 2010 - Dubai ha già dimenticato la crisi dell'anno passato. Il lusso francese, da Chanel a Baccarat a Cartier, sarà in esposizione a partire da venerdì 29 ottobre in uno dei più grandi centri commerciali dell'emirato, testa di ponte per questo settore, in un Medio Oriente diventato una tappa fondamentale nei percorsi di crescita per le aziende mondiali.

Dopo la Russia e la Cina, una trentina di aziende esporranno fino al 7 novembre oggetti che attingono alla loro storia, o specialmente realizzati per l'evento, su 1.500 metri quadrati dell'immenso “Dubai Mall”, tempio del lusso già occupato dalla gran parte dei principali brand mondiali.

Il Medio Oriente, regione ad alto potere d'acquisto, realizza in media l'8% dei 22 miliardi di euro di vendite realizzate a livello mondiale dalle 75 aziende del Comité Colbert. Alcune vi realizzano dal 25% al 35% del loro volume d'affari, come l'industria alberghiera, la cosmetica o quella dei profumi.

A Dubai, era "importante mostrare tutte le sfaccettature dell'arte di vivere alla francese e non solo delle borsette o alcuni begli orologi", ha spiegato all'agenzia di stampa francese AFP Elisabeth Ponsolle des Portes, delegato generale del Comité Colbert.
A fianco di Chanel, Lanvin e Chloé saranno presenti in particolare i profumi Dior, le porcellane Bernardaud, le maioliche di Gien, il gioielliere Cartier e ancora il calzaturiere Pierre Hardy. La gastronomia è rappresentata dal ristoratore Dalloyau e dal pasticciere Pierre Hermé.
Quelli che non vi possiedono una boutiques saranno ospitati: Pierre Frey (arredamento) da Louis Vuitton, Mellerio (gioielleria) da Hermès.

Alcuni artigiani saranno impegnati in una serie di dimostrazioni (un esperto di cristalleria di Saint-Louis, un pellettiere di Hermès) "per mostrare l'importanza accordata al capitale umano da parte delle nostre aziende", prosegue Madame Ponsolle des Portes.
Piuttosto che aprirvi dei negozi, per lungo tempo il lusso francese si è fatto conoscere nella regione grazie a dei distributori specializzati, come l'esperto gruppo Chalhoub.
Da qualche anno però, dapprima nei paesi del Golfo, poi in Arabia Saudita e in Libano, si è assistito ad un fiorire di insegne. Beirut, che vuole tornare ad essere quella destinazione privilegiata per il lusso in Medio Oriente che è stata in passato, ha accolto quest'anno Dior, Louis Vuitton ed Hermès.

"Storicamente, le marche che ce l'hanno fatta sono state in primis quelle che vendevano abbigliamento moda e prodotti cosmetici. Ora siamo soprattutto degli 'accessoristi'. L'entusiasmo per Hermès infatti ci ha messo un po' di tempo a sbocciare", dichiara all'AFP Patrick Thomas, il boss della griffe che può contare su 6 boutique nella regione.
Dubai oggi rappresenta ancora la "testa di ponte" del lusso in Medio Oriente, "come Hong Kong l'è stato per la Cina", ricorda Elisabeth Ponsolle des Portes. Soprattutto con l'arrivo in massa di turisti venuti a fare shopping.

I cinesi, arrivati da sei mesi, sono diventati "la prima clientela per le nostre aziende al “Dubai Mall”, dietro alla clientela regionale e davanti ai russi". La ragione? "I prodotti sono meno cari che da loro", riassume la signora Ponsolle des Portes.
Sulla scia di Dubai, altri poli d'attrazione si stanno sviluppando nel Golfo. Anche una nazione così chiusa come l'Arabia Saudita sta seguendo il movimento. Anche là i marchi di lusso stanno provando a sedurre la ricca clientela locale.

Il piano d'apertura delle boutique Hermès passerà nel 2011 anche per Abu Dhabi, Kuwait City e Jedda, perché il Medio Oriente, che rappresenta solamente l'1% nelle vendite della griffe, fa parte delle regioni a "grandissimo potenziale di crescita, al 2° posto dopo la Cina, benché molto più piccola", aggiunge Thomas.
"Non lo si può paragonare con il Brasile o la Cina, perché il Medio Oriente ha una popolazione molto limitata, ma ogni acquisto fatto in zona può incidere molto [sui risultati aziendali]", conclude il dirigente. 


Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2019 AFP. Tutti i diritti riservati.

Tags :
Altro
Eventi