Il lino si presenta a Milano in una mostra a Palazzo Bovara

Dal 3 al 10 maggio, la CELC, Confederazione Europea del Lino e della Canapa, in collaborazione con la sezione ‘Lino’ di Sistema Moda Italia e la rivista Elle Decor, presenta un’esposizione, insieme didattica ed emozionale, dedicata al lino, fibra di cui l’Europa è il primo produttore mondiale.

amoillino.it

Dal seme ai filati, ai tessuti per arredamento e per il prêt-à-porter uomo e donna, fino agli accessori per la casa e alle applicazioni tecniche per materiali compositi ad alte prestazioni, l’esposizione a Palazzo Bovara (in Corso Venezia 51, a Milano, dalle 10 alle 18) mette in scena la grande versatilità del lino e illustra l’attualità dei punti vendita partner della campagna di comunicazione “Amo il Lino”, ricorda il comunicato ufficiale dell’iniziativa.
 
Questa campagna pubblicitaria è rappresentata da un cuore stilizzato che dal 2 maggio (e fino al 12 maggio) appare sulle vetrine delle insegne partner (tra le quali figurano fra le tante Max Mara, My Style Bags, 120% Lino, Biffi-Banner o il negozio Freitag di Milano), ma per queste ultime è anche costituito da un dispositivo su misura fatto di supporti e iniziative formative di marketing, comunicazione e merchandising. 
 
Dalla maglia polo sport al casco per equitazione, fino ai tessuti per arredamento con le loro proprietà termiche e foniche, si sono aperti vari segmenti di ricerca e sviluppo per il lino, che coinvolgono stilisti e ingegneri, architetti e designer, universitari e uffici studi, ricorda la CELC. La mostra, ideata in collaborazione con la stylist Elisa Musso, è stata pensata proprio per rispondere a tutte le domande di questi professionisti, ma soprattutto per trasmettere ai consumatori il profilo unico del lino europeo, “indicatore perenne di benessere e naturalità, di durata e tracciabilità”, afferma la CELC nella nota.
 
In mostra si potranno ammirare le creazioni dei filatori e tessitori italiani Cariaggi, Cotonificio Albini, Clerici Tessuto, F.lli Graziano fu Severino, Iafil Industria Ambrosiana Filati, Linificio e Canapificio Nazionale, Martinelli Ginetto, Marzotto, Rivolta Carmignani, Rossi Lorenzo & Figli Srl, Tess. Enrico Sironi, Tessitura Monti e Tessuti di Sondrio, nonché dei tessitori europei Deltracon, João Antonio Lima, John England, Klasikine, Libeco, Solstiss, Sophie Hallette, Stoker Mills Salia, Verilin e i prodotti finiti di 120% Lino, C&C, Distretto Italia Interiors, Freitag e Telerie Spadari. In esposizione anche i compositi con il casco per bicicletta Egide, la chitarra Blackbird, la piastrella acustica Varian, il vuota-tasche firmato Philippe Nigro per Designers’Box e i piatti in lino Saint-Romain.
 
Creata nel 1951, la CELC è l’interlocutore privilegiato di 10.000 aziende europee in 14 nazioni, controllando la fibra del lino dalla pianta al prodotto finito. Un’azione che si sviluppa a livello internazionale stimolando l’innovazione e facendo leva sui valori delle fibre naturali dalle riconosciute qualità ambientali.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

TessilemediaCreazioneEventi
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER