×
1 288
Fashion Jobs
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
ELISABETTA FRANCHI
Digital Marketing Manager
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
FOURCORNERS
Area Manager - Centro Italia
Tempo Indeterminato · ROMA
FOURCORNERS
Direttore Commerciale ww Borse
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
THE ROW
Women's And Men's Footwear Technician
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MALIPARMI
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · ALBIGNASEGO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager
Tempo Indeterminato · MONZA
Di
Ansa
Pubblicato il
30 mar 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il gruppo Max Mara mette in cassa integrazione 2.000 dipendenti

Di
Ansa
Pubblicato il
30 mar 2020

Max Mara Fashion Group opta per lo stop totale, chiudendo anche l'online, dove non è più possibile fare acquisti, e inoltra domanda di cassa integrazione ordinaria per i circa duemila dipendenti che lavorano nelle sedi reggiane del gruppo.

Foto: Max Mara


La decisione - spiega la Gazzetta di Reggio - è stata comunicata alla clientela via mail, mentre sul sito il gruppo ha spiegato che non è più possibile acquistare sul web perché sono sospese anche le spedizioni.

La direttiva del governo (per un comparto, quello del settore moda, considerato non essenziale e tenuto ad ultimare le attività, inclusa la spedizione della merce in giacenza, entro il 28 marzo) e una collezione primaverile largamente compromessa (i capi erano appena arrivati nei negozi) hanno di fatto azzerato l'attività del marchio di moda sinonimo di Reggio Emilia nel mondo.

"Tutto il mondo Max Mara si ferma», dice Gregorio Villirillo della Filtea-Cgil. “I negozi avevano già chiuso, come da decreto ministeriale dell'11 marzo. Dopo la stretta del 22 marzo la proprietà ha inoltrato la richiesta di CIGO per alcune aziende del gruppo, tutte quelle reggiane: Imax Srl (il maglificio a Mancasale), Manifatture San Maurizio, Manifatture del Nord, Marina Rinaldi, Marella. Non abbiamo un'esatta stima di quante siano le persone coinvolte, ma si tratta di almeno duemila dipendenti solo nel Reggiano, a parte quelli per i quali è praticabile lo smart working. I numeri li avremo in settimana quando si saprà quanti saranno gli addetti in cassa. È importante questa assunzione di responsabilità da parte dell'azienda e corretto il ricorso agli ammortizzatori sociali".

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.