×
1 384
Fashion Jobs
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILAN
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
SIDLER SA
Jersey Product Manager / Luxury Brand / Ticino
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
OTB SPA
E-Commerce Accounting Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
MIA BAG
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
STELLA MCCARTNEY
Health, Safety & Environment Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Marketing & E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · BOLZANO
VALENTINO
Compliance & Sustainability Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
UMANA SPA
IT Manager
Tempo Indeterminato · VENEZIA

Il gruppo Etam ha registrato un calo delle vendite del 5,3% nel primo semestre

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 23 lug 2017
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La Cina grava in modo notevole sui conti del gruppo Etam. Nell’attesa di vedere la schiarita attesa sul mercato dell’Impero di Mezzo, frutto dell’ampia ristrutturazione avviata quest’anno, il gruppo francese di abbigliamento e lingerie (marchi Etam, 1.2.3) presenta risultati a due facce, che appannano il vigore che mostra nel Vecchio Continente. Al 30 giugno 2017, il gruppo ha dichiarato di aver registrato un calo del fatturato globale del 3,2% nel secondo trimestre e del 5,3% nel primo semestre.

Collezione autunno-inverno 2017/18 - Etam


Dobbiamo quindi esaminare nel dettaglio questa tendenza al ribasso del 2017: pesando per i tre quarti sull’attività del gruppo, l'Europa è territorio di crescita per Etam nel secondo trimestre. In effetti, negli ultimi tre mesi, le vendite vi sono cresciute del 4,7%, e dello 0,3% a superfici comparabili e cambi costanti. Nel primo semestre, la crescita reale è quindi del 3,4%, ma con un calo dell’1,2% a superfici comparabili e cambi costanti.
 
Se 1.2.3 ha “deluso” nel periodo, secondo il comunicato del gruppo, il marchio Etam, considerando insieme prêt-à-porter e binacheria intima, ha più che compensato la decrescita del marchio cugino.

Il vero buco nero del primo semestre resta ancora e sempre l’attività del gruppo in Cina. Il calo del giro d’affari prosegue nel secondo trimestre (-28,7%, -20,2% in comparabile), portandolo complessivamente a -25,6% nei primi 6 mesi (-21,1% in comparabile). Un impatto dunque “significativo” per il gruppo, che ha avviato un piano d'azione “a carattere eccezionale” per aggiustare il tiro.
 
Il nuovo team nominato in primavera ha iniziato una “missione di revisione strategica” per precisare i piani futuri. Alcune misure hanno già iniziato ad essere applicate: le chiusure di negozi proseguono, con 154 unità in meno su 2.442 attive nel primo semestre, ma anche la riorganizzazione logistica attorno ad un unico magazzino e l’accelerazione delle vendite delle scorte residue. Una ristrutturazione che ha al centro il business nel prêt-à-porter del gruppo, visto che per l’ultimo concept di lingerie Etam sono state invece realizzate delle aperture.
 
Etam è anche impegnato in un’altra operazione: quella dell'OPA della società Finora, della famiglia Milchior, la quale, associata alle famiglie Tarica e Lindemann, cerca di ottenere in questo modo una cancelllazione dalla quotazione in Borsa del gruppo. L’operazione di acquisto di azioni proprie ha avuto inizio il 21 luglio, con un prezzo fissato a 49,30 euro per azione e un periodo di scambio di dieci giorni.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.