×
1 331
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
Di
Reuters
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
30 mag 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il gruppo Capri (Michael Kors, Versace) approfitta della ripresa della domanda negli USA

Di
Reuters
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
30 mag 2021

Il 26 maggio, Capri Holdings Limited ha reso noto di aver ottenuto vendite e profitti annuali superiori alle aspettative del mercato, grazie alla ripresa della domanda nei negozi di lusso negli Stati Uniti, a sua volta legata al successo delle campagne di vaccinazione nel Paese.

Michael Kors - Autunno-Inverno 2020 - Womenswear - New York - © PixelFormula


La società annuncia inoltre l'intenzione di aumentare i prezzi praticati dal suo marchio Michael Kors a partire da questo autunno e nella primavera del prossimo anno. Capri ha intenzione di trasformare il brand statunitense - il primo del gruppo in termini di vendite - in una “azienda di taglia più piccola, ma più redditizia”.
 
Il gruppo americano sottolinea che il calo delle vendite di Michael Kors - di circa il 4% nel quarto trimestre - contrasta con il successo delle sue controllate Versace e Jimmy Choo, le cui vendite sono aumentate rispettivamente del 10% e del 16%.

John Idol, CEO di Capri, cerca di rafforzare l'immagine di marchio di lusso di Michael Kors in Nord America riducendone il numero di promozioni e limitandone l'ampiezza dell’offerta. Il dirigente specifica inoltre che il numero di clienti del marchio è aumentato del 18% nel quarto trimestre, segno secondo lui “che gli aumenti di prezzo non impediscono ai clienti di scegliere di acquistare i nostri prodotti”.
 
Capri punta a un fatturato di circa 5,1 miliardi di dollari (4,2 miliardi di euro) per l’esercizio 2022, oltre le previsioni degli esperti di Wall Street, che contano su 4,99 miliardi di dollari, secondo i dati IBES di Refinitiv. Il margine lordo è previsto in crescita di circa 50 punti base, nonostante l'aumento dei costi dei trasporti.
 
La società ha mantenuto un controllo rigoroso delle scorte durante la pandemia, il che ne ha fatto aumentare il margine lordo. Le sue vendite online sono cresciute dell'80% nel quarto trimestre, mentre le sue vendite al dettaglio sono aumentate del 13%.
 
Anche i grandi rivali di Capri (LVMH, Hermès e Kering, proprietario di Gucci) sono stati in grado di far beneLe grandi firme del lusso, tradizionalmente restie alle iniziative digitali, stanno investendo molto per sfruttare l'esplosione dell'e-commerce.
 
Il giro d’affari di Capri nel quarto trimestre ha raggiunto gli 1,2 miliardi di dollari (983 milioni di euro), ben al di sopra delle stime degli analisti, che si aspettavano 1,02 miliardi di dollari. Su base rettificata, la società ha incassato 38 centesimi per azione, battendo significativamente la stima di Wall Street, che prevedeva un profitto di 2 centesimi.

© Thomson Reuters 2022 All rights reserved.