×
1 598
Fashion Jobs
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · NOLA
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Digital Communication Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Lombardia/Piemonte- Settore Profumeria
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
BOT INTERNATIONAL
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
Di
Ansa
Pubblicato il
19 ott 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il Governo scommette sulla ripresa, 39 miliardi anti-crisi

Di
Ansa
Pubblicato il
19 ott 2020

Una scommessa per la ripresa: il governo vara in una maratona notturna la legge di Bilancio per i prossimi tre anni e impegna buona parte delle munizioni, in tutto 39 miliardi, per tamponare la crisi e proteggere famiglie e imprese in attesa che passi la seconda ondata dell'epidemia.

Roberto Gualtieri, ministro dell'economia


Il Paese "è ancora sospeso" ammette il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, ma la manovra "è ambiziosa" e punta cogliere le "prospettive concrete di una ripresa economica e sociale forte", assicura con ottimismo. E mette da parte una prima dote di due miliardi e mezzo per la futura riforma dell'Irpef, mentre scatterà già a metà 2021 l'assegno unico per i figli.

Per gli aiuti anti-crisi a breve, spiega il ministro, arriverà un decreto ad hoc che servirà anche a prorogare la Cig fino alla fine dell'anno e, con gli ammortizzatori, anche il blocco dei licenziamenti. Ma nuove protezioni per lavoratori e tessuto produttivo, dalle nuove settimane di Cig a carico dello Stato (per 5 miliardi) al nuovo fondo Covid da 4 miliardi, sono anche il cuore della manovra, insieme alla conferma di misure già introdotte quest'anno, dal taglio del cuneo in busta paga (2 miliardi) agli sgravi per i dipendenti del Mezzogiorno (quasi 6 miliardi). Da sole queste 4 misure assorbono quasi la metà delle risorse a disposizione, 24 miliardi in deficit e 15 grazie alle risorse europee del Recovery Fund.

Scuola e sanità sono le altre due voci 'pesanti', rispettivamente con 6,1 e 4 miliardi: "mai più tagli" garantisce Gualteri, spiegando che le risorse europee - che sul fronte degli investimenti saranno affiancate da una dote di 50 miliardi fino al 2035 subito disponibili - andranno ad arricchire la dote per medici, infermieri, terapie intensive, medicina del territorio e vaccini, mentre le opposizioni con ironia si chiedono perché esultare, come fa il ministro Roberto Speranza, per un risultato da 4 miliardi quando ci sarebbero a disposizione i 37 miliardi del Mes, che il governo continua a non chiedere. Rinviate al 2021 via decreto legge le cartelle, ma la Lega già chiede di cancellarle tout court.

Qualche spazio per le richieste delle opposizioni si potrà trovare in Parlamento, dove la manovra, però, potrebbe non arrivare prima dell'inizio di novembre. Il disegno di legge, infatti, è stato approvato con la classica formula "salvo intese", dopo avere raggiunto un'intesa politica che ha portato anche al rinvio a luglio di plastic e sugar tax. Ora però bisognerà scrivere le norme che in parte saranno anticipate dal nuovo decreto, quello per la proroga della Cig Covid intanto da metà novembre fino alla fine dell'anno per chi l'ha già esaurita, che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni.

Prima del varo il governo vedrà di nuovo, mercoledì, i sindacati che già lamentano le troppe poche risorse per il rinnovo dei contratti pubblici - 400 milioni che portano a una "dote robusta" di 3,8 miliardi, secondo il ministro della Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone. Per Cgil, Cisl e Uil rimane però indispensabile prorogare gli ammortizzatori fino alla fine dell'emergenza e, soprattutto, mantenere il blocco generalizzato dei licenziamenti. Un tema su cui, assicura Gualtieri, si farà una valutazione "insieme". L'esecutivo crede infatti nella ripresa del mercato del lavoro e, per aiutare le assunzioni stabili, propone "zero contributi" per tre anni per chi assume under 35, come rivendica il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, che porta in manovra un pacchetto di misure che include anche l'estensione dei contratti di espansione e la proroga di Ape social e opzione donna.

Anche il ministro della Cultura Dario Franceschini ottiene, come richiesto, la proroga della spendibilità del bonus vacanze fino a giugno del prossimo anno e incassa anche l'ok a spendere le risorse avanzate per sostenere il turismo, mentre il titolare degli Esteri Luigi Di Maio porta a casa il rifinanziamento per 1,5 miliardi del piano per l'export. Per le imprese arrivano anche il rafforzamento del piano Transizione 4.0, nuovi fondi per le garanzie di Sace e del Fondo per le Pmi, il rifinanziamento della nuova Sabatini.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Altri
Business