×
1 582
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Credit Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Digital Acqusition Media Specialist Appartenente Alle Categorie Protette Legge 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Media Strategist, Native Content & Affiliates
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Responsabile Sviluppo Franchising - Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Talent Acquisition Partner
Tempo Indeterminato ·
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Export Area Manager- Russian Speaker
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Retail Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
International Wholesale Manager - Fragrances
Tempo Indeterminato · LUCCA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Emea CRM Coordinator & Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FENICIA SPA
Responsabile Acquisti Donna (Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
TRUSSARDI
General Accounting Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · TORINO
FOURCORNERS
CRM Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Paid Media Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Wholesale E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
APCOM
Pubblicato il
21 mar 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il distretto lombardo della cosmetica realizza il 55% dell'export nazionale del settore

Di
APCOM
Pubblicato il
21 mar 2018

Tra Crema, Bergamo, Milano, la Brianza e Lodi si concentra il più importante distretto italiano della cosmetica, circa 500 imprese che realizzano il 55% dei 4,7 miliardi di euro dell'export nazionale del settore. È quanto si legge sul sito della regione Lombardia, che riporta l'elaborazione della Direzione studi e ricerche di Intesa San Paolo, realizzata per Cosmetica Italia, l'associazione di categoria di Confindustria.

Facebook/Cosmoprof


Nel 2017 le esportazioni italiane sono aumentate del 9% e dal 2008 al 2016 il distretto ha guadagnato quote di mercato, posizionandosi al quarto posto a livello mondiale dopo Francia, Usa e Germania, raggiungendo una quota del 5,3%. A confermare il trend positivo anche i dati di affluenza a Cosmoprof, la fiera internazionale della bellezza professionale, conclusasi qualche giorno fa a Bologna con oltre 250mila visitatori e un +11% di operatori esteri rispetto al 2017.

In questo contesto Milano è la prima provincia italiana per valore dell'export (20,5% del totale) e Bergamo si piazza al terzo posto, dopo Roma, con il 7,9%. Ben posizionate tra le prime 20 province anche Lodi (6,5%), Cremona (4%) e Monza-Brianza (3,8%). Le imprese lombarde della cosmetica, in prevalenza terzisti per i più importanti brand internazionali, realizzano grazie all'export il 60-65% del fatturato, principalmente verso Francia, Germania, Usa e Regno Unito.

Secondo quanto riportato sul sito della Regione, le ricadute positive del settore si fanno sentire sul territorio, in primis sull'occupazione con Milano che assorbe il 12,2% del totale nazionale degli addetti, seguita da Roma con l'8,8% e da Bergamo con l'8,5%. Il valore aggiunto per addetto in regione, dal 2008 al 2016, è aumentato del 13,4%, passando da un valore mediano di 53.800 euro a 67.200 euro a fronte di un costo per addetto salito del 7,4%, da 33.400 a 40.800 euro. Entrambi i fattori sono sopra il valore mediano delle altre regioni italiane, dove il costo del lavoroper addetto nel 2016 è di 35.700 euro e il valore aggiunto per addetto è di 59mila euro.

Il "beauty" è un settore a elevata competitività, lo dimostra il fatto che ogni anno le imprese investono in innovazione il 15 per cento dei ricavi, le startup hanno realizzato nel triennio 2014-2016 un incremento del fatturato del 22,4% e le imprese con brevetto hanno avuto una variazione del fatturato, nello stesso periodo, del +15,6%.

L'innovazione e la ricerca saranno sempre più importanti per conciliare il desiderio di mantenersi giovani e belli a lungo con la crescente attenzione per la naturalità dei prodotti. Secondo un'indagine Mintel le tendenze che influenzeranno l'industria della bellezza e della cura di sé nei prossimi anni saranno legate alla produzione green, con ingredienti naturali, meglio se di provenienza locale, e nel rispetto dell'ambiente.

Fonte: APCOM