×
1 445
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
19 apr 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il direttore creativo contemporary di Marc Jacobs, John Targon, è fuori dall’azienda

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
19 apr 2018

Dopo aver preso il timone del design solo tre mesi fa, John Targon ha lasciato il suo incarico di direttore creativo di Marc Jacobs International. Secondo la stampa statunitense, Targon (il cofondatore della label Baja East) si è già separato da Marc Jacobs, come ha poi confermato un portavoce del gruppo LVMH, proprietario del marchio di New York.

John Targon è fuori da Marc Jacobs - Twitter


"John Targon è un talentuoso designer e apprezziamo il lavoro che ha compiuto", ha dichiarato il gruppo LVMH ai mass media americani mercoledì sera, però il colosso francese si sarebbe reso conto che: “In ultima analisi, lavorare insieme non aveva senso per il brand e gli auguriamo il meglio”.
 
Non è stato possibile raggiungere né Targon né Marc Jacobs per un commento.

L’assunzione di Targon è avvenuta il 2 febbraio, sotto la guida del CEO di Marc Jacobs, Eric Marechalle. Lo stilista aveva ricevuto il titolo il titolo di direttore creativo della moda contemporanea (Creative Contemporary Director), un incarico pensato per costruire e sviluppare i prodotti a basso prezzo dell'etichetta statunitense.
 
Targon ha cofondato Baja East, marchio noto per il suo stile sportivo e rilassato, insieme a Scott Studenberg. In precedenza ha anche lavorato come direttore del wholesale per il menswear di Burberry, a cui sono seguiti brevi periodi da Céline e Prada.
 
Marc Jacobs ha dovuto affrontare problemi di vendite dal 2015, quando la casa madre ha deciso di riunire sotto l’unico marchio Marc by Marc Jacobs la linea diffusion con la collezione principale. Per rilanciarsi, il brand ha assunto il suo attuale CEO, Marechalle, prelevandolo da Kenzo lo scorso luglio, nel tentativo di ristrutturare il marchio e puntare a un mercato più giovane.
 
Più di recente, Marc Jacobs ha chiuso la linea maschile nel 2017, concludendo il suo accordo di licenza con Staff International SpA al termine della collezione per l’autunno 2017.
 
Nel frattempo, è stato annunciato uno stuolo di chiusure di boutique, con l'ultimo negozio londinese del marchio, nel quartiere di Mayfair, chiuso a gennaio ed altre location europee che seguiranno. La direzione ha comunicato che queste chiusure fanno parte di una più ampia ristrutturazione del marchio volta a prefigurare una futura ripresa nel retail.
 
Mentre LVMH non indica i dati dei fatturati delle sue singole marche, il gruppo ha fornito ripetuti indicatori degli sforzi compiuti da Marc Jacobs. Ma per ora il conglomerato francese del lusso sembra stare assorbendo il peso finanziario del marchio.
 
Nel primo trimestre del 2018, i ricavi del gruppo LVMH comprendendo tutti i settori produttivi, inclusi profumi e orologi, hanno raggiunto i 10,85 miliardi di euro (13,4 miliardi di dollari), crescendo del 13% rispetto all’anno precedente su base comparabile, escludendo oscillazioni valutarie, vendite e acquisizioni.
 
Gli analisti si aspettavano una crescita vicina al 9%.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.