×
729
Fashion Jobs
SHOWROOM MARCONA3
Shoes Showroom Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
DFP INTERNATIONAL SPA
Commerciale / Customer s
Tempo Indeterminato · CORROPOLI
THUN SPA
Head of Real Estate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
THUN SPA
Regional Manager France
Tempo Indeterminato · MILANO
CONNECTHUB DIGITAL
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CAMICISSIMA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Impiegato/a Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · MERATE
DELL'OGLIO
Resident Seller
Tempo Indeterminato · PALERMO
BRAMA SRL
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
JD SPORTS FASHION PLC
HR & Payroll Advisor - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
OFF-WHITE C/O VIRGIL ABLOH
Franchising Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Network & Security Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
CONFIDENZIALE
Sistemista IT
Tempo Indeterminato · LUGANO
NEIL BARRETT
IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM
Digital Media Manager
Tempo Indeterminato · GALLARATE
FOURCORNERS
Product Marketing Manager - Fragranze
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Logistic And Customer Service Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Developer
Tempo Indeterminato · COMO
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
16 lug 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il BFC chiede più supporto e prevede 240mila posti di lavoro persi

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
16 lug 2020

Il British Fashion Council (BFC) ha chiesto al Governo britannico di supportare maggiormente i settori della moda e del retail, in occasione del rilascio di nuovi dati da parte dellOxford Economics che inaspriscono limpatto della pandemia globale sullindustria inglese del fashion”.

Molly Goddard - autunno/inverno 2020 - Womenswear - Londra - © PixelFormula


I dati evidenziano che la recessione causata dal Covid-19 potrebbe colpire il comparto moda in modo due volte più forte rispetto al Regno Unito nel suo complesso, spazzando via la crescita superiore alla media raggiunta dal settore negli ultimi 10 anni" e che "oltre all'impatto economico, un'intera generazione di talenti creativi rischia di scomparire, mettendo in pericolo la posizione del Regno Unito come culla creativa della moda globale".
 
Nel Regno Unito, il settore impiega oggi 890mila persone; le previsioni parlano di 240mila perdite dirette di posti di lavoro. Ma il BFC aggiunge che includendo i lavori indiretti lungo la supply chain, il numero sale a 350mila, il che equivale all1% di tutti gli impieghi in UK.

Si prevede inoltre che il contributo del settore al PIL del Regno Unito scenderà dai 35 miliardi di sterline (38,6 miliardi di euro) dell'anno scorso a soli 26,2 miliardi di sterline (28,9 miliardi di euro) nel 2020, poiché i ricavi passeranno da 118 miliardi a 88 miliardi di sterline (da 130,1 a 97 miliardi di euro).
 
La brutta notizia arriva lo stesso giorno in cui la New West End Company ha annunciato di prevedere enormi perdite di posti di lavoro nel principale quartiere dello shopping del Regno Unito, se il Governo non prenderà le contromisure necessarie.
 
In concreto, il BFC chiede il sostegno del Governo "per consentire la rinegoziazione dei contratti di locazione nei quali i proprietari degli immobili non agiscano in modo responsabile e misure come sovvenzioni o prestiti senza interessi a lungo termine per compensare i costi dei contratti di locazione, nonché sgravi per affitti e tassi per tutte le imprese, per fare in modo che le nostre città non assistano a una serie di chiusure che si tradurrebbero in grandi perdite di posti di lavoro.
 
Chiede inoltre sovvenzioni o prestiti senza interessi per le PMI non più adeguate a ricorrere ad altre misure, ma che lo erano prima del Covid-19. Riconoscendo i problemi incontrati dalle piccole imprese, vuole che i grandi retailer supportino le aziende più piccole, interrompendo la cancellazione degli ordini e (offrendo) garanzie di vendita su quelli concordati.
 
Il BFC auspica anche che le autorità sostengano la creazione di "un ecosistema che consenta al settore di rilanciarsi, attraverso una produzione più intelligente, la gestione dei rifiuti, il riciclo, lupcycling e modelli di business per un'economia di moda circolare britannica leader nel mondo".

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.