Il Presidente di Sears offre 4,4 miliardi di dollari per salvare l’insegna

Il Presidente del gruppo americano di distribuzione Sears Holdings, in fallimento, ha presentato un’offerta di acquisto di 4,4 miliardi di dollari (3,8 miliardi di euro). L’offerta del miliardario Eddie Lampert si basa su un finanziamento di 1,3 miliardi di dollari proveniente da tre banche, ha precisato un portavoce del suo fondo ESL Investments, e permetterebbe di salvare circa 425 negozi Sears non ancora chiusi e quasi 50.000 dipendenti su un totale di 68.000.

REUTERS/Lucy Nicholson

Nella pratica, è stato un fondo legato a ESL, Transform Holdco, a presentare l’offerta. Secondo alcune fonti a conoscenza del dossier, il finanziamento proviene da due banche di Sears, Bank of America e Citigroup, e dalla Banque Royale del Canada. Le tre banche hanno accettato di concedere un credito di 950 milioni di dollari sulle attività e un credito revolving di 350 milioni di dollari.
 
Una parte dell’offerta di Eddie Lampert si basa su un debito di Sears di 1,8 miliardi di dollari detenuto da ESL, che il fondo prevede di annullare. L’offerta comprende inoltre un finanziamento di 400 milioni di dollari da istituti di credito non bancari.
 
Fondato 125 anni fa, Sears ha depositato il suo bilancio il 15 ottobre. Il piano di ristrutturazione prevede la cessione di 500 negozi e di filiali tra cui Kenmore, DieHard e la filiale di consegne a domicilio. L’offerta di Eddie Lampert presentata tramite ESL propone di acquisire l’insieme della società, mentre le altre offerte ricevute da Sears sono di pretendenti interessati solo a delle parti del gruppo o di liquidatori.
 
Dopo essere stato un vero innovatore negli anni 1880, Sears ha via via perso terreno a vantaggio dei suoi concorrenti, come Walmart e Target. Eddie Lampert, che tramite ESL è il principale azionista e creditore di Sears, ha fondato Sears Holdings nel 2005, acquisendo il gruppo Sears e Roebuck e fondendoli con la catena di discounti Kmart, che aveva già acquisito. Lampert aveva promesso di riportare Sears all’antico splendore, quando la società era proprietaria della Sears Tower a Chicago, allora l’edificio più alto del mondo, di una stazione radio e di una compagnia di assicurazioni.
 
Ma la società ha cessato di produrre utili nel 2011 e ha progressivamente venduto un buon numero di sue proprietà, come il leggendario marchio Craftsman. Sears Holdings presentava un attivo di 6,9 miliardi di dollari e un passivo di 11,3 miliardi nei documenti depositati al tribunale fallimentare.

Versione italiana di Laura Galbiati

© Thomson Reuters 2019 All rights reserved.

Moda - AltroDistribuzioneBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER